26 apr 2015

C’era una volta… la blogger maker e la signora tignosa

C’era una volta una signora che voleva comprare una bella ghirlanda da appendere alla porta della sua nuova casa. Entra nel negozio di una ragazza creativa, in quel momento impegnata a preparare una grande ghirlanda composta da fiori in sospeso trasparente, uccellini in feltro e gessetti di borotalco profumatissimi.

Alla signora piace tanto quello che vede ma pensa che il prezzo sia troppo alto e lo fa presente alla maker.
 La quale chiede: ”Lei quanto pagherebbe questa ghirlanda?” 
La signora pensa ad alta voce: “una pellicola, un quadrotto di feltro, un po’ di borotalco…” e dice TOT: un prezzo incredibilmente conveniente rispetto al prezzo fissato dalla maker. 
La maker risponde che va bene e chiede l’indirizzo per spedire il progetto mentre la signora gongola dalla felicità pensando di essere stata una grande mediatrice.


Dopo qualche giorno, la signora riceve a casa un pacchetto, lo apre e vi trova: una pellicola, un quadrotto di feltro, un po’ di borotalco. 

Arrabbiata come non mai, corre al negozio della ragazza creativa e fa le sue rimostranze: 
”Ma dov’è la mia ghirlanda?”

“Signora” risponde la creativa “lei ha comprato il materiale, ma non l’idea, l’amore e il lavoro con cui questi sono stati messi insieme”.

ispiratami ad una storiella del web di cui non trovo la fonte




Share:

38 commenti:

  1. FA VO LO SA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Così impara che seza amore e passione i progetti non si portano avanti. E che costano sudore!!!!
    Bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai assolutamente ragione cara Patricia

      Elimina
  2. Avevo letto l'originale e ringrazio davvero che mai mi è arrivata un cliente così , credo che non avrei spedito nulla se non lei :-))

    RispondiElimina
  3. Che colpo al cuore! Sai che quando vedo che alle fiere o ai mercatini ci sono splendide creazioni handmade vendute a basso prezzo mi si stringe il cuore. Innanzitutto per il tempo e la passione che si mette per creare certi manufatti e poi perché penso che sia sbagliato sottovalutare così il proprio lavoro. Senza pensare che deprezzandolo si va a mettere in cattiva luce anche quello di chi, invece, gli da un giusto prezzo. Aprirei una discussione troppo lunga, scusami per la polemica ma sono da poco in questo mondo e ho già sentito molti" costa troppo"...sono amareggiata ma non demordo. Un grande abbraccio Carmela, ti sono sempre vicina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sai quante ne vedrai ancora? a me è capitato di avere una commissione di bomboniere con tanto di foto e preventivo, e mi è stato risposto che su ebay le svendono

      Elimina
  4. Straordinaria!
    Se l'hai fatto davvero, giuro, vengo a casa tua a piedi e mi inginocchiò davanti a te!

    RispondiElimina
  5. Sarebbe bello mandare farina, uova e panetto di pasta di zucchero alla prossima richiesta che mi fanno ! ahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhh e mi piacerebbe vedere la faccia quando aprono il pacco!

      Elimina
  6. e' MERAVIGLIOSA!!!! Quanto spesso accade quante volte sento " lo so fare anche io, è solo un pò di feltro, due cuciture...." Bisognerebbe avere davvero il coraggio di rispondere come la ragazza creativa della storia! Un abbraccio. Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oppure non li calcolare e passa avanti

      Elimina
  7. Avevo letto l'originale, e tu l'hai cambiata a modo tuo... Brava... Purtroppo la gente così non dovrebbe girare solo nei negozi cinesi...

    Maira

    RispondiElimina
  8. La tua versione l'ho letta con piacere e mi è piaciuta.
    Molte persone pensano che il loro tempo possa essere regalato, anche io i primi tempi.
    Si impara a capire il valore del proprio lavoro solo quando sei gratificata e adesso penso senza problemi, se ti piace costa così altrimenti aspetterò chi sa apprezzarlo, attenderò la persona giusta che lo merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava rosalba, il segreto è tutto qui: aspettare chi sa apprezzare

      Elimina
  9. Ragazze! Avete perfettamete ragione! Mai deprezzare il proprio lavoro. Mai deprezzare la propria passione! La fatica, la creatività, l'amore che si mette in un progetto! MAI!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che sia proprio il pensiero comune

      Elimina
  10. E' proprio vero!!! Da ragazzina avevo cominciato a fare mercatini dell'artigianato e smisi quasi subito perchè pur avendo prezzi molto bassi, si lamentavano quasi tutti e allora abbandonai subito quel mondo!! Ora vendo solo a chi me lo chiede e nessuno si lamenta perchè chi ti cerca e ti conosce per quello che fai e per l'amore che ci metti non si lamenta mai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne ho fatto solo uno e mi sono pentita, credo che la prossima volta se mai ci sarà valuterò molto attentamente gli articoli da vendere

      Elimina
  11. Quando partecipavo ai mercatini succedeva spesso..purtroppo le persone non capiscono il valore degli oggetti fatti a mano..ma non bisogna arrendersi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutte le persone a prescindere da status sociale e conto in banca, probabilmente è proprio delle persone

      Elimina
  12. questo è proprio il motivo per cui ho smesso da anni di fare i mercatini...i miei lavori preferisco regalarli o farli su commissione... ma che peccato...
    lori

    RispondiElimina
  13. Bellissima!!!Chissà come mai non riescono a capire con
    quanto amore, passione, tempo, viene fatto un progetto.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i imei tutorial servono anche a questo, il lavoro va considerato come fattore di prezzo, è come dire che vado dalla parrucchiera ma pago solo lo shampoo e l'acqua

      Elimina
  14. Grandissima!! La maggior parte delle persone purtroppo non capisce la passione, il lavoro e il tempo che ci si impiega per creare oggetti unici. Per fortuna ci siete tutte voi!!

    RispondiElimina
  15. Carmen è bellissima!!! allora mi consolo!!! Alcune persone pensano che noi dobbiamo lavorare praticamente gratis!!! è non mettono in conto il costo del materiale!!! e non aggiungo altro!!!! ciao, buona serata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ebbene sì, ma rallegriamoci pensando a chi sa apprezzarci

      Elimina
  16. Proprio oggi riflettevo su questo fatto... e volevo scrivere su quello che viviamo noi "maker" in certe occasioni... costrette a non oltrepassare di troppo il "prezzo di mercato" se vogliamo vendere... No, il nostro lavoro è difficile prezzarlo, sarebbe invendibile... Il nostro lavoro va indirizzato ad una clientela che aprezza e purtroppo questa è una grande minoranza...
    Bel post, Carmen. Lo condivido nella pagina con il tuo permesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto quello che c'è nel mio blog è condivisibile cara amica mia, e le tue parole sono l'ennesima conferma che bisogna aspettare le persone giuste al momento giusto

      Elimina
  17. Ciao Carmen, mi piace il tuo motto... Bisogna aspettare le persone giuste al momento giusto... Aggiungerei nel posto giusto! Chi vuole veramente comprare, perché apprezza un'opera handmade è disposto a pagare il prezzo di vendita ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. potrei aprire un altro post su quale sia il posto giusto per vendere...

      Elimina

i tuoi commenti mi fanno crescere, grazie