sabato

Impara ad amare una macchina taglia-cuci
in:

sabato

Impara ad amare una macchina taglia-cuci

 
taglia-cuci




Se c'è una domanda che mi viene fatta in modo ricorrente è questa:

<< devo prendere una macchina da cucire o una taglia-cuci? >>

Molte che si avvicinano al mondo del cucito pensano che comprare subito una taglia-cuci sia meglio perchè più completa e fa 'più cose'.

Io ti dico che finalmente puoi avere l’assoluto controllo su stoffe sfuggenti e reticenti, sfilaccianti e ingobbite. Ma bisogna imparare a conoscerla e usarla nel modo giusto.

L'unico modo per saperlo è capire bene cosa fa una macchina Taglia-cuci. Poi devi imparare ad amarla.

Ma se non hai mai cucito prima, forse è bene che tu impari ad usare la macchina tradizionale (il mio corso è qui).

Innanzitutto bisogna sapere che si dividono in due categorie: quelle economiche per un uso domestico e saltuario (tra queste la Singer è un ottimo punto di partenza), e quelle professionali che garantiscono prestazioni di altissimo livello (e di conseguenza sale il prezzo).

I vantaggi di una Taglia-cuci

Taglia e cuce

Come dice il nome, taglia e cuce contemporaneamente quando serve: le cuciture sono da pret-a-porter e la velocità è di 1000 punti al minuto (ma la Pfaff arriva anche a 1300) con un risparmio di tempo considerevole. Lo fa anche su molti strati di stoffa dando un aspetto ai capi di tipo industriale.

Ci sono le macchine taglia-cuci a 3 o 4 fili che offrono vari tipi di rifinitura con punto overlock e qualche decorazione, poi ci sono le macchine taglia-cuci con punto copertura da 5 a 10 fili che in più adopera il punto copertura e il punto catenella per decori e ricami.

Adatta per tessuti difficili

Può cucire qualsiasi tipo di tessuto, anche quelli difficili come la pelle, a differenza di una macchina tradizionale. Sarà semplice cucire anche i tessuti come quelli scivolosi perché la taglia-cuci ha un trasporto differenziale per cui non si arricciano e non si sfilacciano.

Ti rende il tutto sereno anche se devi cucire un tessuto elastico perché la cucitura sarà anch’essa elastica e i punti non salteranno a lavoro terminato.

Puoi cucire la maglieria anche con una macchina da cucire, ma la taglia-cuci danno una finitura molto migliore. Non distorce la stoffa, l'ago non salta i punti e i punti ad anello consentono alle maglie di allungarsi un po’ senza rompersi.

E’ una perfetta orlatrice

Qua non ha paragoni con la macchina tradizionale: fa talmente bene gli orli che il commento ricorrente che avrai sarà “bello, sembra comprato”.

Gli orli arrotolati sono una delle mie cose preferite da fare sulla mia taglia-cuci. Non riesco a ricordare l'ultima volta che ho messo un orlo regolare su qualcosa! È così facile e veloce fare un orlo arrotolato.


Mi piace usare un punto a tre fili per questo, a volte devi giocare un po'con la tensione, ma le impostazioni predefinite funzionano per la maggior parte dei tessuti.

Consiglio in più sul filo

La taglia-cuci di norma consuma un sacco di filo, sono rocchette a cono e ne vanno uno per ogni perno sull’albero dello stesso colore.

Se vuoi risparmiare qualcosa, puoi usare un filo di colore neutro per la parte inferiore/rovescio del tuo lavoro e usare quello colorato o in tinta per la parte superiore che resta a vista.

Compra sempre filo di ottima qualità e adatto per la taglia-cuci, fai anche attenzione a coni regalati da amiche perché potrebbero essere vecchi e dare problemi.

In base a quello che ti ho detto e al punto in cui ti trovi nel mondo del cucito (ma soprattutto in base ai tuoi obiettivi), cosa hai deciso di fare?



Iscriviti alla newsletter del blog compilando il form da qui






Carmen Pelaia, sarta tutor



lunedì

10 strumenti " back to school " per la tua stanza del cucito
in:

lunedì

10 strumenti " back to school " per la tua stanza del cucito

donna che cuce spilli

Da quando ero bambina amavo la cartoleria: il momento più bello era la scelta dei quaderni (pochi a quei tempi), le matitone colorate e la colla liquida col pennellino (non ricordo se c’era già la stick).

Nel corso degli anni ho continuato ad amare tutti quei piccoli oggetti di scuola e, ora che girano per casa perché con tre figli non bastano mai, a volte entrano anche nella mia stanza del cucito.

Se ti sei appena affacciata a questo mondo (del cucito intendo), potresti trovare utili questi suggerimenti che ti do, per usare gli strumenti di cartoleria per facilitare alcuni compiti di…cucito. Ma se sei esperta, forse trovi qualche idea nuova.

I gommini adesivi : sono riposizionabili, cioè si staccano e si riattaccano, li puoi usare fermare dei tessuti sottili sul piano di lavoro o bloccare gli angoli di un cartamodello quando lo appoggi sulla stoffa.

 

Evidenziatori: quando stampi un cartamodello da abito dal computer è in bianco e nero, con l’evidenziatore puoi marcare le tacche che corrispondono alla taglia che ti serve, un colore diverso per ogni taglia, così non vai in confusione.

 

Le graffette: sono utili per piccoli decori come i pompon, ma io le uso per tenere unite tra loro delle stoffe molto sottili che non devo bucare con gli spilli perché resterebbero a vista.

Il desk planner da scrivania: quello che uso è 18 mesi, lungo e stretto per tenerlo vicino alla tastiera del computer, la data l'aggiungi tu, i miei figli lo usano per organizzare i loro compiti e impegni, io mi segno la programmazione di progetti di cucito con materiale annesso per ordini mirati

Il dispenser per scotch: scegli un dispenser ad una mano che si può riempire di sabbia all’interno, ti sarà utile per unire tra loro le varie parti di un cartamodello seguendo le tacche, e visto che sicuramente sei da sola a farlo ti servirà una mano soltanto.

 

L’astuccio trasparente: comodo per raccogliere il necessario per un piccolo kit di cucito o un kit da viaggio, è abbastanza lungo per contenere anche le forbici. Il portapenne da tavolo: puoi usarlo per metterci gli strumenti di cucito che devono stare sempre a portata di mano, come forbici, spilli, metro, riga, penne. In alternativa alla scatola del cucito.
Il cestino porta tutto: così come ci metti tutte quelle piccole cose di scuola che non hanno mai un posto ben definito, allo stesso modo vale per i piccoli oggetti di cucito che sfuggono sul piano di lavoro: ditale, kit di aghi, spirali di spilli, mollettine.

 

Mobile da parete: hai presente i mobiletti leggeri da parete per posare quaderni, astucci, libriccini? Usali come organizer per il cucito, aiutati con barattoli in plastica, cestelli delle mollette, gancetti, e decorali come il resto dell’arredo.


Forbici: il pezzo forte della scuola e del cucito, puoi prenderne quante ne vuoi, di tutti i colori ma attenzione, ricorda di usare sempre la stessa ad un’unica funzione (cioè, usa la rossa per la carta, la verde per la stoffa, e così via).

Spero di averti dato qualche idea interessante, se ne hai altre puoi dirle in pagina qui


Iscriviti alla newsletter del blog compilando il form che si apre QUI