venerdì

Consigli di cucito per luglio (pdf)
in: // //

venerdì

Consigli di cucito per luglio (pdf)

  

Consigli di cucito per luglio con pdf


Spesso noi amanti del cucito ci facciamo prendere da forti impulsi all'acquisto di cose inutili, ingombranti, che nel tempo cambiano posto nella sewroom, dall'armadio alla sedia, dalla sedia al tavolo, per non trovare mai pace.

Il mese di luglio, con sconti e saldi, è la trappola perfetta per il nostro portafogli e il nostro  spazio. Per non parlare della valigia da riempire! Come bisogna fare? In questo post mi va di darti qualche dritta in base alla mia sola e umile esperienza di ' malata di stoffe e bottoni'.

i saldi

 

Siamo a luglio e cercare di fare acquisti oculati senza farsi prendere la mano con i saldi dappertutto non è cosa facile, come fare? un metodo che io uso spesso, è acquistare solo cose di stagione che non seguono le mode per il semplice motivo che queste passano in fretta.

Esempio pratico: ho bisogno di rifare le tende del salotto, è una bella mole di tessuto, quindi decido quale posso usare come base (voile bianco, organza beige, rigato, fiori) e vado ad acquistarlo in saldo perchè non passa mai come stile, potrò sempre aggiungere dei particolari differenti nel corso dell'anno (mantovana colorata, a pois, cuori fatti da me, fiori all'uncinetto).

Non bisogna comprare cose fuori stagione come tessuti pesanti e particolari perchè verrano usati non prima di ottobre/novembre e quindi magari non piaceranno più.

in valigia

 

La partenza per le vacanze è imminente e fare la valigia è sempre un problema e ricordo ancora quando la facevo otto volte l’anno per il vecchio lavoro: a furia di portare cose che restavano inutilizzate e roba tutta da stirare, ho imparato a fare una valigia minima e funzionale. Soprattutto adesso che viaggio con marito e tre figli, quindi leggi in questo post i suggerimenti per farla al meglio.

Ma quello che non può mancare è un piccolo kit di cucito utilissimo per attaccare il bottone che all'ultimo minuto sicuramente si staccherà. Come comporlo:

- una rocchetta di filo in tinta naturale e in poliestere (va bene su tutto)
- forbicine per unghie (e prendi due piccioni con una fava)
- due aghi e due spilli
- qualche bottone uguale al tipo degli indumenti che metterai in valigia
- una striscia di velcro per chiusure veloci

la cucitrice portatile



Se sei un'appassionata del genere e cuci anche in vacanza, portala con te, è il momento ideale e ti serve per le piccole riparazioni, soprattutto se la tua meta è la montagna (per pile, tende,
k-way). Io non sono un'amante ma conosco amiche che con questo aggeggio sanno cucire un'intera tenda da campeggio!

Ricorda che:
- fa il punto ad ogni pressione del pollice
- la stoffa va messa sotto il piedino che è fatto a molla
- ha un solo filo quindi , non agganciandone uno inferiore, la cucitura è promiscua (si dice ancora?)

Insomma, penso che se vuoi veramente cucire anche in vacanza, esistono delle belle macchinine portatili ma più serie con pochi euro in più.



Pulisci la macchina da cucire


Se vai via puliscila molto bene, apri tutti i vani, smonta i vari pezzi, e dai una bella spolverata col pennellino, poi dai un colpo di phon ad aria fredda. In questo post ti faccio vedere come fare a rimontare i pezzi.

Ricorda però di pulirla regolarmente perchè la polvere dell'aria e dei tessuti nella stanza intasano la griffa di trasporto e gli ingranaggi. Un trucco che uso io, dopo pulita, è mettere un pezzo di stoffa sotto il piedino con l'ago inserito.


Beh, io qualche dritta te l'ho data dopo quelle di giugno.

E, se sei smemorina come me, ti lascio il pdf da scaricare. Puoi anche iscriverti alla newsletter direttamente da questo modulo newsletter


domenica

Ti piace lo stile shabby? Allora cuciamo i tovagliolini per la colazione
in: //

domenica

Ti piace lo stile shabby? Allora cuciamo i tovagliolini per la colazione

tovagliolo _fiori_tulipani_piatto


La colazione è il momento della giornata che preferisco, con tovaglietta e tovagliolini in shabby chic. Se piace anche a te e ami pure cucire ma sei alle prime armi, questo progetto fa per te. Segui il piccolo tutorial.

Non servono grandi abilità stavolta, a differenza della tovaglia dove era necessario prendere parecchie misure, ma conoscere il punto dritto è sufficiente, fai solo attenzione al passaggio per applicare il bordino.Se ti vuoi specializzare nell' uso di altri piedini, nel mio corso te ne spiego 18.

Comincia a creare dei ritagli di tessuto del disegno che preferisci, io ti lascio lo schema a fiore. Se non ti senti sicura con le curve, puoi iniziare con uno schema squadrato. Usa un punto dritto e vai piano, senza troppa fretta, poi passa al secondo ritaglio.

Per ogni tovagliolo devi ritagliare due sagome perché così hai la superficie uguale sia sopra che sotto e puoi girarlo, se invece vuoi fare solo un ritaglio allora hai un rovescio della stoffa che sarà la parte inferiore del tovagliolo.

Stampa e ritaglia lo schema su A4 in formato uguale per avere un diametro di circa 17 centimetri, poi appoggialo sul tessuto e fermalo con gli spilli come in foto.

schema_fiore_stampare
Io uso degli spilli lunghi 54 millimetri, servono per trapuntare e hanno le punte molto resistenti, ideali per lavorare con stoffa e carta o più strati.


schema_stoffa_spilli

Per fare un lavoro in vero stile Shabby, ti consiglio di curare l'abbinamento dei disegni e decori delle stoffe. Se non sei pratica, puoi puntare sullo stesso sfondo bianco con disegni di un colore rosa/lilla ma in diverse sfumature.

tovaglioli_tutorial_shabby

Ora appoggia il bordino decorato a fiorellini sul perimetro e cuci molto lentamente tutt'intorno. Io ho usato il piedino standard perchè sono pratica ma va bene anche il piedino open toe o per applique.

tovagliolo_shabby_cucire_piedino

Il risultato è molto sciccoso, colorato ma non troppo, allegro, insomma, l'ideale da tenere in tavola vuoi fare una bella colazione.

tovaglioli_bordo_in_pizzo
E un bel mazzo di tulipani come centrotavola non guasta mai.

tavola_piatto_fiori_

Dimmi se ti è piaciuta l'idea, in arrivo ci sono altre idee. E iscriviti alla mia newsletter.