Come iniziare a cucire in sei step
in: //

Come iniziare a cucire in sei step

stoffa_forbici_spilli

Hai voglia di cucire i tuoi vestiti ma non sai da dove cominciare? Qui ti do 6 suggerimenti , perchè molto spesso l'idea in testa frulla frulla ma poi in pratica si perde. Ricorda che un abito, o qualunque progetto, si cuce un punto alla volta.


1) Prendi una macchina da cucire


Prima o poi dovrai prendere una macchina da cucire e metterci sopra le mani. Sia che tu la compri, la noleggi o te la prestano. Fare shopping per una macchina può essere stressante, ma tutto ciò di cui hai veramente bisogno è una macchina con un punto dritto (per la maggior parte delle cuciture) e un punto zigzag regolabile (per rifinire i bordi).

Le macchine a grandezza naturale (piuttosto che quei graziosi modelli mini tutte colorate) sono le migliori per la cucitura degli indumenti. Se vuoi provare prima di acquistare, vai in un negozio specializzato in macchine da cucire o in un grande magazzino. O se ti trovi meglio ad acquistare online fallo pure.

Io dico sempre che la migliore macchina è quella che hai, quindi non preoccuparti troppo! Io personalmente ho iniziato con la Singer promise 1409.


macchina_cucire_Promise_singer_1409

2) Crea un kit di strumenti di base


Oltre a una macchina da cucire, avrai bisogno di alcuni strumenti a basso costo. Non preoccuparti di trovare tutto in una volta: tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare è un paio di forbici per tessuto, spille, metro a nastro, lo scucino (per i punti temporanei e gli errori!), un oggetto per marcare (come una matita di gesso), ferro e asse da stiro.

Puoi trovarli su Amazon, nei grandi magazzini o nelle mercerie indie.

leggi qui come creare il tuo primo kit di cucito ---> 

scucino_forbici_

 

3) Impara a usare la tua macchina


Prima di tuffarti nel tuo primo progetto di cucito, mettiti comoda con la tua macchina da cucire. Avrai bisogno di sapere com’è fatta e fare cose come alzare e abbassare il piedino, infilare la macchina e fare alcune pratiche di cucitura di base sul tessuto di prova.

Puoi vedere il mio corso ABC, 

volantino_macchina_cucire

 


4) Scegli il tuo primo progetto


La grande domanda è: cosa farai per primo? Quando scegli il tuo primo progetto, renditi la tua vita facile scegliendone uno semplice da costruire e facile da montare, senza trucchi. Il mio primo progetto di un guardaroba è stato un leggins per mia figlia, comodo e facile.

5) Acquista del tessuto


Una delle parti più divertenti di essere una sarta fai da te è scegliere da sola il tuo materiale senza sottostare ad alcuna regola! Ma può essere fonte di confusione se sei appena agli inizi e non sai cosa stai cercando. Se hai un modello con le indicazioni ti conviene seguirle alla lettera perché apportare delle modifiche quando ancora non sei padrona della tecnica ti crea solo guai.

6) Scegli di persona le prime volte

 

Fai shopping di persona per farti un'idea dei tessuti, oppure compra da mercerie indie che di solito sono felici di offrirti consigli via e-mail e persino di inviarti campioni in modo da poter vedere e sentire i tessuti prima dell'acquisto.

Il modello scelto ti dirà esattamente ciò di cui hai bisogno, quindi non preoccuparti di acquistare nulla prima di questo passo. Usa il filo in poliestere che va bene su tutto.

tessuto_quadri_rosa_nero

Ora mi piacerebbe sapere cosa hai già e cosa vorresti prendere per iniziare a cucire.

Iscriviti alla newsletter del cucito QUI

 

 

 

Carmen Pelaia, sarta tutor





Come cucire con il filo elastico [tutorial]
in: // //

Come cucire con il filo elastico [tutorial]

filo_elastico


Una piccola guida per cucire a macchina con il filo elastico e creare delle arricciature per i nostri vestiti.

Ricorda che si cuce tenendo la stoffa dal lato diritto, che il filo superiore è quello a vista e l'elastico va nella bobina inferiore. Lo ripeto sempre nella mia videoscuola di cucito.

COME cucire col filo elastico



Inizia così: prendi il rocchetto del filo elastico e inserisci l'estremità nel foro.

filo elastico e bobina


Riavvolgi il filo come fai di solito, se non sei capace guarda qui di seguito, poi taglia con le forbici.

- COME INFILARE LA BOBINA -

filo elastico inserito


ferma l'elastico sul rocchetto con un pezzetto di scotch così non si riapre nel cassetto, mettilo via subito perchè può sfilacciarsi alle estremità.

rocchetto di filo elastico



Infila ora la macchina con il filo che hai scelto per il tuo progetto.

piedino col filo



Inserisci la bobina inferiore nel vano apposito, fai scendere l'ago in modo che i due fili si aggancino e tira fuori l'estremità aiutandoti con le forbici sotto il piedino. Così come i vede nella foto, il filo elastico resta sotto, sarà la tua cucitura inferiore.

infila mcchina


Mantieni la stessa tensione ma allunga il punto.

allunga punto

Cuci normalmente ma tieni un po' con la mano la stoffa dalla parte dietro. Fai attenzione a non accavallare l'arricciatura.

cuci


Se stai facendo una prova (e se sei all'inizio te lo raccomando) usa dei ritagli di stoffa e ferma pure l'inizio e la fine della cucitura con il punto indietro.

punto indietro



Rilascia la stoffa e vedrai l'arricciatura.


Due parole sul tessuto: non usare una stoffa molto pesante perchè il filo elastico non è adatto, si spezzerebbe, non è in grado di raccogliere il tessuto, usa tessuti leggeri e morbidi.

arricciatura con elastico

Quando hai terminato taglia i fili a circa 15 centimetri.

taglia fili



Vedi come cambia tra il cotone (rosa - verde - giallo) e lo chiffon a cuori?

tessuto arricciato


chiffon arricciato



Così è la cucitura vista sul rovescio del lavoro.

rovescio della cucitura



Con questo metodo puoi creare delle belle arricciature per gonne, tende, tovaglie, oppure come ho fatto io con le striSce di chiffon puoi cucire una sciarpina leggera per la primavera, insomma ti puoi divertire con tutti i rimasugli di stoffa, fai pratica mi raccomando, è sempre il modo migliore per imparare.

Ora iscriviti alla newsletter da qui

 

VIDEO - Non sai cucire un angolo? Ecco il metodo più facile che c'è!
in: //

VIDEO - Non sai cucire un angolo? Ecco il metodo più facile che c'è!


Quando mia figlia più piccola mi chiede io eseguo, letteralmente. Dopo il cappellino di mezza stagione, mi ha chiesto la copertina per la bambolina Josephine, e allora mi sono messa al lavoro per farne una come piacesse a lei.

Visto che la casa sta diventando un ricovero di bambole e pupazzi malconci, abbandonati da qualche sua amica dopo averli spapucchiati per anni (eh sì, molte bimbe di dieci anni non giocano più con le bambole), e lei fa la crocerossina, non potevo certo negare una copertina a cotanta dolcezza.

Ma un passaggio è fondamentale, tanto da richiedere un video: come cucire l'angolo. Ho cercato di spiegarlo nel modo più semplice possibile, non perchè ritengo che tu non sia in grado di comprenderne le sfumature, ma perchè un decennio e mezzo a spiegare concetti di scuola ai miei figli mi ha reso ormai allergica ai tecnologismi.

Alcuni consigli extra

Dai una pressata con il ferro da stiro ad ogni passaggio, lo so, è una scocciatura ma la resa migliora in maniera esponenziale.

Puoi fare una copertina ad un solo velo, cioè con uno scampolo di tessuto di medio peso con dritto e rovescio uguali. Questa è la soluzione più rapida, vale anche per tovagliette e runner da tavola.

Se la copertina è doppia, quindi ha due strati di tessuto e magari anche una fine imbottitura,il problema non c'è perchè lavori su tre strati squadrati a cui applicherai lo sbieco.

Video per cucire un angolo






Che ne pensi? Secondo me ci riesci, e sia che ce la fai sia che tu abbia dei problemi, scrivimi nei commenti così cerco di aiutarti.

Iscriviti alla newsletter  'i consigli di carmen' da qui



Consigli di cucito per aprile (pdf)
in: //

Consigli di cucito per aprile (pdf)


libro_caffè_fiori

Aprile è il mese della ricrescita e della rinascita, più di marzo. Probabilmente perchè le giornate sono più lunghe, la luce attiva i neuroni rimasti addormentati nell'inverno.

Io mi ritrovo spesso a riflettere e poi agire, sia nella quotidianità che nel mio lavoro. Questo mese sto affrontando grandi cambiamenti sul piano professionale che mi aiuteranno a fare 'il salto'. Un po' di riflessione ci sta allora.

Ma per quanto riguarda il cucito qualche consiglio posso buttarlo giù, niente di eccezionale, non ti aspettare Il Manuale Perfetto per Sopravvivere Al Cambio Di Stagione (non cercarlo, l'ho inventato adesso, ma se ti interessa ci posso lavorare). Se proprio non hai voglia di leggere, vai in fondo al post e scarica il pdf.

Quindi diciamo che...

acquisti

 

Se hai seguito i consigli di gennaio e febbraio, ora hai tante belle stoffe leggere comprate in saldo, organizzale in modo ordinato per averle sotto mano all'occasione. Ci sono vari metodi, come fare dei quadrati di cartone e avvolgere le strisce di tessuto a modo di scampolo da negozio e poi ordinarli tutti in fila su uno scaffale o un armadietto.

riciclo

 

La sew-room è da sistemare: raccogli tutti gli scarti di stoffa, lavali, asciugali molto bene e tienili da parte per fare degli imbottiti (cuscini, puntaspilli, bambole), oppure guarda cosa ti dico in questo post per riusarli in modo intelligente.

nuove idee 

 

E' il momento di cucire una bella gonna per la primavera, ora fa meno freddo, puoi scegliere un tessuto di cotone allegro e facile da confezionare. Anche se sei all'inizio puoi buttarti, fai delle prove, usa vecchi lenzuoli e divertiti come quando da bambina mettevi i vestiti della mamma. Anche se il primo lavoro sarà orribile (e sicuramente non lo metterai) almeno potrai dire: c'ho provato, eh!

fuori casa

 

Ci sono tanti weekend in questo mese: fai un bel kit da pic nic e tanti pranzetti in barattolo già pronti (insalate, tramezzini, dolci come tiramisù). Se sai fare qualche punto dritto e hai delle belle stoffe pesantine e non sai cosa fartene, uniscile insieme tra loro e cuci una bella coperta per il prato.

Se vorresti fare tutte queste cose ma non sai proprio cucire, allora ti aiuto io con i miei corsi di cucito, vai qui per vedere quale è più adatto per te (spoileeeer).

Ah, quasi dimenticavo,

il pdf.