Come fare un cappellino a maglia riciclando un maglione (video)
in: // //

Come fare un cappellino a maglia riciclando un maglione (video)

cappellino rosa riciclo

In casa mia è d'obbligo il riciclo: i ragazzi crescono in fretta e le maniche di maglie e maglioncini sono direttamente proporzionali all'altezza.

Andiamo pazzi per i cappellini di lana e lanetta ma farli a maglia o all'uncinetto richiede un sacco di tempo che io, sinceramente, non posso togliere ai miei corsi di cucito.

Quali sono i vantaggi:

1 - risparmi tempo che puoi riversare altrove

2 - ricicli vecchie maglie e quindi fai bene all'ambiente

3 -  non devi comprare gomitoli di lana che poi all'ultimo non bastano mai

Allora oggi ti faccio vedere come fare un cappellino in soli due minuti (vero!).

Cosa serve per fare il cappellino:

- Apri l'armadio e prendi un maglioncino di medio peso che non viene messo da almeno un anno e mezzo (a che ti serve?) 

- la macchina da cucire

- il piedino per la maglia, io l'ho comprato con il kit di 32 piedini per la macchina da cucire

- forbici, spilli e penna 

 

Come fare un cappellino a maglia senza i ferri 

Per questo cappellino ho usato un maglioncino leggero che si era macchiato di candeggina e non sono più riuscita a recuperare, quindi ho ricavato la sagoma del cappellino usando il bordo della maglia come base.

In pratica devi solo prendere la misura della circonferenza della testa, aggiungere un centimetro e riportarla a metà sul bordo. In laternativa, usa pure un berretto che hai già e ricalca la sagoma sopra il maglioncino.

Le decorazioni

Qui ho fatto un cappellino basico, ma puoi aggiungere pompon colorati e fatti da te, appliquè disegnati, bottoni fascinosi e fiori di tessuto.

In realtà, a seconda del maglioncino che devi riciclare, puoi variare la forma (ad esempio, a punta lunga o due corni) o tenerlo semplice se usi un maglioncino stile nordico (bello). Ma bando alle ciance, ora c'è il video. E fammi sapere se anche tu ricicli qualcosa.




  Puoi anche iscriverti alla newsletter del blog da QUI

 

Carmen Pelaia, sarta tutor


Il tessuto va preparato prima di cucire! [7 consigli audio]
in:

Il tessuto va preparato prima di cucire! [7 consigli audio]


stoffa con filato rosa azzurro


Forse tra gli aspetti più sottovalutati da chi inizia a cucire ma, diciamolo, anche da chi è nel campo da tanto tempo: le 7 fasi della preparazione del tessuto.

Se hai voglia di ascoltare invece di leggere, in fondo al post trovi la versione audio.

N ° 1: la preparazione


Inizieremo con il primo punto: la preparazione del tessuto. Devi essere sicura che il tessuto sia stato lavato e stirato prima di iniziare a cucire perché potrebbe restringersi durante il primo lavaggio.

Un consiglio che posso darti è di mettere il panno direttamente nel cesto della biancheria sporca dopo averlo acquistato, quindi non c'è il rischio di ricordare se è stato lavato o meno correttamente.

N ° 2: l'ago


Controlla se l'ago è adatto al tessuto che stiamo per cucire. Ad esempio, se stai cucendo una maglia, assicurati di utilizzare uno speciale ago per maglieria.

N ° 3: il filo


Dopodiché, controlliamo il filato. Il materiale del mio filo è adatto al mio tessuto? Stessa cosa per lo spessore. Per la maggior parte dei tessuti verrà utilizzato il filo multiuso.

Ma a volte è meglio adattare il filo al materiale del tessuto scelto. Ad esempio, prendere il filo di cotone per cucire il tessuto di cotone.

Verifica inoltre che il filo superiore sia uguale al filo della spolina. È molto importante avere una cucitura regolare.

N ° 4: il materiale necessario


Controlla di avere a casa tutta l'attrezzatura necessaria prima di cominciare: sbieco, bottoni, stabilizzatore, filo per cucire, ecc.
È particolarmente frustrante iniziare un progetto e fermarsi nel bel mezzo perché ti accorgi che alla fine manca qualcosa. Quindi dai un'occhiata bene prima di iniziare.

N ° 5: la finitura dell'assemblaggio


La quinta cosa da verificare è la finitura dell'intero progetto che intendi utilizzare. Deve essere assolutamente pianificato prima di iniziare.

Perché? Ti darò un semplice esempio. Se vuoi creare una cucitura inglese, ma ci hai pensato solo dopo aver tagliato il tessuto, ad esempio impostando i margini di cucitura a 1 cm, in questo caso difficilmente riuscirai a eseguire questo tipo di finitura, perché avevi bisogno di un margine di cucitura di 1,5 cm.

N°6: impostazioni della macchina


La sesta cosa da fare è un test di cucitura prima di iniziare. Testa la lunghezza del punto, la tensione e annota queste impostazioni da qualche parte.

Perché a volte un progetto richiede molto tempo, quindi ricorda le impostazioni del test di cucitura. Se hai intenzione di fare un'impuntura non dimenticare di fare un test soprattutto rispetto alla lunghezza del punto che deve essere un po 'più lunga.

N° 7: l'assemblaggio


Infine, ti do un'ultima cosa da controllare una volta tagliato il tessuto nei vari pannelli non dimenticare di fare le tacche per l’assemblaggio.
Bastano pochi punti a mano in un filato di colore differente per lato.


Se hai altre verifiche da condividere, non esitare a farlo nei commenti.


Come cucire il tessuto in spugna
in: //

Come cucire il tessuto in spugna


Oggi mi è arrivata una richiesta precisa da Sara che mi segue tramite la newsletter. Mi chiede:

come si fa a cucire la spugna per fare dei bavaglini per il bimbo appena nato

Ho spulciato nell’archivio dei miei tutorial e mi sono accorta che non ne avevo ancora scritto nulla, quindi ecco qua la guida per cucire la spugna.

Prima di tutto devi riconoscere la direzione: passa la mano sulla spugna per vedere quale parte è più liscia rispetto all’altra, in pratica è quella che dà meno resistenza.

Attenta all'ago da usare: se la spugna è molto spessa ci vuole un ago doppio altrimenti va bene un ago da jeans (mi raccomando di fare sempre delle prove su un ritaglio).

Il filo: il filo di cucitura dovrebbe essere evidente e quindi in contrasto al colore della spugna  soprattutto se sei alle prime armi. Questo perché i punti della cucitura verranno nascosti dalla lanosità della spugna e non riuscirai a vedere se sbagli. E può essere un problema scucire e rifare. Magari il contrasto dà anche un tocco più originale e allegro al tuo lavoro.

 

Quale punto usare: dritto e zig zag. Comincia col bordare la spugna con un punto zig zag, la lunghezza deve essere media.

 

Poi passa al punto dritto: tieniti a filo dello zig zag precedente in modo che resti parallelo. Il punto deve essere lungo lungo. L'ideale sarebbe avere una taglia e cuci oppure il punto in dotazione alla macchina, questo passaggio è per te che non li hai.

Degno di nota: non usare le forbici dentellate per tagliare i bordi perchè sfilaccia la spugna!

Degno di nota 2 : usa asciugamani ormai dismessi, fa bene a te e all'ambiente!

Spero di aver accontentato Sara ma anche chi ne aveva bisogno.
Continua a restare aggiornata iscrivendoti alla mia newsletter di cucito Lo dico Lo faccio compilando il modulo che si apre QUI

 Carmen Pelaia - sarta tutor
Come trovare il tempo di cucire (10 consigli)
in:

Come trovare il tempo di cucire (10 consigli)

 


Erika mi scrive in newsletter :

"ho iniziato da poco a cucire ma come trovo il tempo per farlo? Da dove comincio?" 

Se anche tu hai il problema di Erika, troverai utili i suggerimenti che ti dirò. Trovare il tempo per cucire a volte può essere una sfida. Anche quando si riesce a farlo, ci sono un milione di altre cose che si dovrebbe fare. Io dico che se ci pensi troppo, poi rischi di rimandare sempre.

Sento spesso dire che per seguire un progetto bisogna farlo da quando si comincia fino a quando si termina, tutto in una volta, magari nel weekend o in un giorno fisso della settimana, questo metodo è chiamato Flow.

Non lo trovo molto produttivo, innanzitutto perché se già hai poco tempo libero in settimana sacrifichi il weekend, poi ti puoi stancare presto e odiare il progetto che hai iniziato col rischio che accumuli lavori amorfi e non terminati sul tuo tavolo.

Fai così:

1 mantenere la macchina in ordine

Assicurati che la macchina sia pulita e pronta all’uso anche con l’ago e i piedini giusti per il lavoro che stai iniziando (sai che nervi quando il filo è sbagliato e te ne accorgi dopo un po’ e quando comincia a spezzarsi e devi rifare tutto?).

In un mondo perfetto per cucire, si avrebbe uno spazio dedicato per la macchina da cucire. Se così non è, ricorda di tenere asse e ferro da stiro abbastanza vicino.

2 la scatola dei progetti e degli strumenti

Metti tutto l’occorrente per un particolare progetto in un contenitore di plastica trasparente: schema, tessuto, forbici, spilli, marcatori di tessuto, carta da lucido (io uso anche la carta velina delle scatole di scarpe, è comoda, utile per ricavare i pattern , a costo zero e in più riciclo).

Per approfondire: il kit di cucito per principianti

3 fai del cucito una priorità

Quando hai imparato le nozioni basiche per cucire, queste non bastano: ci vuole l’entusiasmo e la voglia di creare cose nuove (lenzuolini per lettino, bavaglini colorati, abitini, giochi imbottiti e tutto personalizzato). Pensa all’utilità di questa bellissima arte per darle la giusta priorità, solo così sarai spronata a trovare davvero il tempo per farla.

4 dividi per aumentare

Prova a dividere il tuo progetto in piccole unità di tempo: 15 minuti al giorno per 5 giorni alla settimana. Ricorda di iniziare con progetti semplici che non ti portino alla frustazione. Lascia la macchina da cucire sempre nello stesso posto.

Perché? Ogni progetto di cucito è un insieme di piccoli step, passaggi che vanno fatti secondo una sequenza logica, quindi li puoi individuare e spalmare lungo la settimana.

Stirare bene il tessuto, tagliare il modello, spillare le stoffe insieme. Prima che te ne rendi conto, il tuo progetto di cucito è realizzato sfruttando piccole unità di tempo. Io cerco sempre di evitare la mentalità all-or-nothing .

5 ci vuole programmazione

Raccogli tutte le idee e i progetti in unico posto, come un taccuino, un notebook, un foglio attaccato al desktop del tuo computer, o Trello (come faccio io), scrivi obiettivi (che sono i tuoi progetti di cucito) e accompagna il tutto con un calendario. So che già lo fai per organizzare marito – figli – lavoro – weekend, quindi ce l’hai nel tuo dna.

6 cuci a mano per rilassarti

Ho scoperto viaggiando in auto che è molto rilassante tenere compagnia a mio marito cucendo qualcosa a mano: niente di complicato e troppo grande da gestire.

Anche se sei in attesa dal pediatra, alle tue visite mediche,se hai bambini piccoli il cucito a mano è perfetto mentre stai seduta a guardarli giocare.

In questo caso usa pochi strumenti (un rocchetto di filo, un ditale, una forbicina), mettili in un sacchetto piccino portabile che può essere nascosto in borsa.

7 resta concentrata

Il tempo che hai fissato per cucire è limitato, quindi non sarà un sacrificio spegnere la tivù, non rispondere al campanello, allontanarsi dal computer e spegnere il cellulare (nel limite del possibile, se hai figli a scuola o in giro con gli amici sappiamo che questa è un’utopia)
e quel milione di cose che devi ancora fare?

8 pianifica in anticipo i lavori di casa

Ci sono le faccende domestiche come cucinare, lavare e spesa della settimana e, che inspiegabilmente, possono causare tanta ansia da accantonare l’idea di metterti a cucire.

Qui hai tre scelte: ignorare , pianificare, delegare. Una combinazione di tutti e tre di solito è l’ideale e ci puoi riuscire se fissi delle priorità (fare i letti = alta priorità perché sono da riassettare tutti i giorni, lavare i pavimenti = priorità bassa perché lo fai due volte a settimana).

9 frequenta video- lezioni

Non c’è modo migliore per riscattare al meglio il tuo tempo: imparare on line ti permette di restare a casa senza stressarti per andare in laboratorio, cercare parcheggio, sotto la pioggia e la neve o col caldo africano di luglio.

Puoi seguire da computer, tablet o smartphone e in qualunque posto tu ti trovi (anche per cucire si possono imparare prima le nozioni con i video e poi metterli in pratica una volta a casa).

Se sai già cucire puoi sempre migliorarti, per esempio imparando ad usare tanti piedini differenti che ti semplificano la vita.

10 cogli l’attimo

Tutta la preparazione nel mondo non ti servirà a farlo accadere: molte persone non avviano mai un progetto perché sono paralizzate dalle preoccupazioni e le troppe domande.

Bisogna immergersi, cogliere l'attimo, e cucire qualcosa. Invece di stare su Facebook o rincorrere idee su Pinterest, devi prenderti sti benedetti 15 minuti e cucire.

Anche perché l’handmade fa bella la vita, un giorno alla volta.

ora iscriviti alla mia newsletter, dal form che si apre QUI

 

Il piedino bordatore per lo sbieco, questo sconosciuto (video-demo)
in: // //

Il piedino bordatore per lo sbieco, questo sconosciuto (video-demo)

Ci sono cose che ti risolvono dei problemi di cucito, come il piedino bordatore per applicare lo sbieco. Questa settimana voglio parlarti di lui, bello ma sconosciuto ai più.

Quando devi applicare uno sbieco (fatto da te o acquistato), e si annuncia come un lavoro lungo perché è il progetto stesso che lo richiede, è meglio usare questo piedino.

Infatti ti velocizza se devi applicare lo sbieco a tutto il perimetro di una tovaglia, tovagliette, rifinire il risvolto di lenzuoli.


Come si usa:


Prendi lo sbieco ripiegato a metà, l’estremità devi inserirla dentro la scanalatura del piedino già inserito nella macchina.

Con le rotelline devi regolare l’ampiezza della stoffa e fare in modo che lo sbiechino sia ben inserito e non faccia nessuna curva.

L’unica difficoltà è la partenza, ti consiglio di fare un centimetro di punto dritto e poi inserire il tessuto dentro il piedino.

Una volta superata questa difficoltà con tanta pratica ed esercizio su ritagli di stoffa, vedrai che ti sarà molto utile per applicare lo sbieco velocemente e risparmiare tempo, con una resa professionale.





Vuoi imparare le basi del cucito con il mio corso on line? Guarda ABC


Iscriviti alla newsletter del cucito da QUI
Comprare stoffe e tessuti on line, consigli per l'acquisto
in:

Comprare stoffe e tessuti on line, consigli per l'acquisto

Una volta si andava al mercato o al negozio rionale per acquistare le stoffe. Si scambiavano due parole, la nonnina del banco conosceva tutta la famiglia, gli avvenimenti, perfino la data di nascita di ognuno dei nostri figli. Ogni paese aveva il negozio che era un punto di riferimento per tutta la comunità.

Io abito in un paese dove c’è una merceria che, poverina, non può certo avere un rifornimento da tir. Ogni tanto vado in città in un vecchio negozio del centro, ma il più delle volte la scelta ricade sugli shop on line, soprattutto se ho bisogno di tessuti un po’ particolari e ricercati.

Se poi hai bimbi piccoli, o sei in attesa e vedi il tuo pancione come l’impedimento per qualsiasi gesto, o il caldo di luglio ti asfissia, allora è quasi un sollievo comprare con un clic e vederti arrivare il pacco a casa.

Il problema? Che la scelta è così vasta da perdersi, se poi sei anche una persona indecisa allora non ne esci più fuori. Quindi vediamo insieme come acquistare stoffe on line senza impazzire.

I criteri per scegliere il sito:

. come prima cosa ti consiglio di acquistare dei ritagli di cotone americano in vari colori e disegni per fare una prova, dato che è un tessuto che non riserva brutte sorprese
. controlla il feedback del sito (cioè, leggi le recensioni generali e qualcuna che riguarda i prodotti singoli)
. guarda i metodi di pagamento: devono essere sicuri come Paypal, Stripe
. dai uno sguardo ai tempi di consegna e se è possibile rintracciare il pacco una volta spedito
. se il sito è estero controlla se ci sono dazi doganali e a quanto ammontano

Dove comprare tessuti on line: [*]

premetto che io ho testato tutti questi siti e li metto per comodità di navigazione per te e non farti impazzire nella ricerca, considera però che ce ne sono molti altri
. paninitessuti , tessuti per ogni occasione d’uso, dall’arredamento all’abbigliamento, al cucito creativo
. tessuti.com , tessuti a metraggio di tendenza
. pincot , stoffe di qualità per quilt e cucito creativo
. contrado.it , bella azienda italiana specializzata nella stampa digitale personalizzata
. supercut.it , per cucito creativo o alta moda
. giessescampoli , per arredamento e abbigliamento

Il feedback di queste aziende è molto alto, la consegna è veloce e i siti sono facilmente consultabili. Se non conosci le stoffe, puoi sempre richiedere dei campioni di tessuti vari oppure dei blocchetti in taglio piccolo (per esempio, 10 x 10 centimetri), il miglior kit di campioni l’ho trovato su contrado.it, con tanto di nome e codice per ordinare in seguito

vai qui se vuoi approfondire sui tessuti naturali 

Consigli per gli acquisti:

. valuta i periodi in cui ci sono i saldi per fare un po’ di pieno di tessuti che usi molto durante l’anno
. usa lo sconto che ricevi all’iscrizione della newsletter per ordinare dei tessuti un po’ costosi e particolari
. guarda quali sono le regole e i costi di un possibile reso da parte tua
. se non ti convince qualcosa, manda una email alla sezione ‘contatti’ e vedi come ti rispondono e in quanto tempo (fallo in orari di ufficio)
. se c’è una chat vedi se rispondono davvero

I marketplace:

non ci sono solo shop on line ma anche i marketplace, tipo dawanda , etzy, amazon . Queste piattaforme possono riservare delle belle sorprese per quanto riguarda il design originale di tessuti.

Una considerazione in più sui corrieri:

molte volte la pecca di uno shop on line è il comportamento del singolo corriere, può comportarsi male nella consegna e rovinare l’attesa del nostro pacco tanto desiderato. Consiglio di scrivere una email allo shop per fargli presente che potrebbe intaccare la reputazione del sito, quindi sono loro che devono prendere provvedimenti nei confronti del corriere a cui si appoggiano

Spero di esservi stata di aiuto, se avete altri consigli potete scriverli nei commenti e io aggiornerò il post.


Per ricevere aggiornamenti e consigli sul mondo del cucito iscriviti alla newsletter qui  NEWSLETTER

 


Carmen Pelaia, sarta - tutor





[*] nessun link è in affiliazione, sono solo consigli personali per facilitarti il compito di ricerca
Trova il tempo di cucire con Trello
in:

Trova il tempo di cucire con Trello

 
computer_gonna_fili
1*


Da quando insegno a cucire online, una domanda ricorrente che mi arriva dalla newsletter è questa:

" Ho iniziato da poco a cucire, ma tra lavoro, bambini e casa, dove trovo il tempo per farlo?"
Se anche tu hai questo problema, e non per forza legato al cucire ma anche ad altre attività che vorresti fare ma non riesci, allora questi consigli potrebbero tornarti utili.

Trovare il tempo di cucire può essere una sfida fin quando non diventa una tua priorità, e solo tu puoi farla diventare.

1° - Assicurati che la macchina sia pulita e pronta all’uso anche con l’ago e i piedini giusti per il lavoro che stai iniziando (sai che nervi quando il filo è sbagliato e te ne accorgi dopo un po’ e quando comincia a spezzarsi e devi rifare tutto?).

In un mondo perfetto per cucire, si avrebbe uno spazio dedicato per la macchina da cucire. Se così non è, ricorda di tenere asse e ferro da stiro abbastanza vicino.

2° - Metti tutto l’occorrente per un particolare progetto in un contenitore di plastica trasparente: schema, tessuto, forbici, spilli, marcatori di tessuto, carta da lucido (io uso anche la carta velina delle scatole di scarpe, è comoda, utile per ricavare i pattern , a costo zero e in più riciclo).

3° - Dai al cucito la giusta priorità. Quando hai imparato le nozioni basiche per cucire, queste non bastano: ci vuole l’entusiasmo e la voglia di creare cose nuove (corredini, tovagliato, tende, abiti e tutto personalizzato). Pensa all’utilità di questa bellissima arte per darle la giusta priorità, solo così sarai spronata a trovare davvero il tempo per farla.

4° - Prova a dividere il tuo progetto in piccole unità di tempo: 15 minuti al giorno per 5 giorni alla settimana. Ricorda di iniziare con progetti semplici che non ti portino alla frustazione. Lascia la macchina da cucire sempre nello stesso posto.

Perché? Ogni progetto di cucito è un insieme di piccoli step, passaggi che vanno fatti secondo una sequenza logica, quindi li puoi individuare e spalmare lungo la settimana.

5° - Pianifica per tempo i lavori di casa. Ci sono le faccende domestiche come cucinare, lavare e spesa della settimana e, che inspiegabilmente, possono causare tanta ansia da accantonare l’idea di metterti a cucire.

Qui hai tre scelte: ignorare , pianificare, delegare. Una combinazione di tutti e tre di solito è l’ideale e ci puoi riuscire se fissi delle priorità (fare i letti = alta priorità perché sono da riassettare tutti i giorni, lavare i pavimenti = priorità bassa perché lo fai due volte a settimana).

Per esempio, un buon strumento di pianificazione e organizzazione è Trello. Dopo averne parlato in una scorsa newsletter, mi sono arrivate molte richieste per spiegare meglio come funziona.

Io lo uso per organizzare tutto il lavoro dei corsi di cucito, gli impegni di famiglia, figli, casa, liste della spesa, ecc. Trello è un programma semplice e gratuito che ti permette di tenere sotto controllo in un colpo d'occhio tutta la situazione, hai quindi una visione d'insieme.

Apri l'homepage di Trello e registrati gratis.

Scegli lo sfondo, dai un nome alla bacheca e poi rendila privata o pubblica.


Cambia lo sfondo quando vuoi per evidenziare la bacheca. Ora crea le liste, io ho aggiunto spesa - pulizie - shopping - corsi


Aggiungi la scheda sotto ogni lista inserendo le voci che ritieni importanti, puoi scegliere tra checklist da spuntare, allegati o foto, ecc.




Continua così a creare le schede, poi altre bacheche per lavoro, scuola, eventi.

La cosa interessante è che puoi invitare altre persone nelle tue bacheche, per condividere le stesse informazioni. E puoi usare Trello per organizzare le tue giornate.

Bene bene, oggi mi sono dilungata ma confido nel fatto che trovi interessanti e utili gli argomenti. Se vuoi darmi altri suggerimenti scrivimi pure.

Ricorda che puoi iscriverti alla newsletter per ricevere consigli di questo tipo + sul cucito, compilando il modulo da qui.

 

 


Carmen Pelaia, sarta tutor







Come fare i bottoni con la colla a caldo
in: //

Come fare i bottoni con la colla a caldo




Amo il cucito, ma la mia seconda passione è la colla a caldo.
Duttile e facile da usare, si presta a creare piccoli oggetti, come questi bottoni che ho realizzato per un vestitino della mia bambina.

Il tutorial che segue vi fa vedere quanto è semplice usando gli stampi dei cioccolatini a forma di bottoni.

Cosa serve per fare i bottoni:


stampi per cioccolatini a forma di bottoni (per intenderci, con due o quattro fori in ogni forma)

pistola della colla a caldo

stick di colla bianca o glitterata






ATTENZIONE: LA PISTOLA A CALDO VA USATA SOLO DAGLI ADULTI E CON CAUTELA E I BOTTONI NON DEVONO ESSERE USATI PER ACCESSORI DESTINATI A BIMBI PICCOLI

Come fare i bottoni:

prima di tutto porto la pistola a temperatura, la mia ha la variante di 60 gradi e 100 gradi, per questo lavoro posizionarla a 100°

inserisco una quantità di colla tale da riempire prima i bordi molto bene, poi sbatto lo stampo sul tavolo con le mani per far andare la colla intorno ai fori del bottone


lascio raffreddare per 5-6 minuti


estraggo i bottoni dallo stampo




Come usare i bottoni di colla a caldo:

- posso usarli nello scrapbooking, come decorazione di oggetti vari

ma soprattutto posso usarli come VERI BOTTONI

- sono resistenti all’uso ed anche al lavaggio a freddo fino a 30°, A MANO E IN LAVATRICE

- si cuciono molto facilmente e non si rompono alla pressione delle dita

- qui li ho cuciti sul vestitino della mia bambina

Accorgimenti:

- la pistola deve essere portata alla temperatura giusta prima di usarla

- è importante mettere la colla prima nei bordi altrimenti si coprono i fori

- la colla glitterata è più densa e quindi è meglio usarla per i bottoni a contorno liscio (quelli solo quadrati o tondi, per intenderci)

- la colla bianca è più fluida quindi è meglio usarla per bottoni con molte curve e scanalature (vedi i fiori, i rilievi, ecc.)

- se non avete molta manualità potete usare uno stuzzicadenti per spingere la colla vicino ai fori, ma non andate in profondità altrimenti dal dritto si vedranno le striature

- si possono aggiungere piccoli glitter prima di riempire


Cosa ne pensate? Vi piace l’idea? Ditemi se avete altre idee su come impiegare i bottoni, ora vado a cucire.

 


Carmen Pelaia, la tua tutor creativa
Cucito ricicloso: trasforma la maglietta in zainetto
in: //

Cucito ricicloso: trasforma la maglietta in zainetto

 

In casa è iniziato il cambio degli armadi, tardi quest'anno per il caldo inoltrato. Mi rendo conto che più passa il tempo e più diventa difficile stabilire cosa tenere e cosa no, ma di questa maglietta ormai credo sia arrivato il tempo del riciclo, tanto più che mia figlia adora le principesse e non vuole proprio disfarsene.


Con ago e forbici ho trasformato la maglietta in uno zainetto, utile per mettere le scarpe di scuola o anche oggetti da mettere nell'armadio fino alla nuova stagione.

Il tutorial è talmente facile che anche chi si è avvicinato da pochissimo tempo al mondo del cucito può farcela.


Il tessuto della maglietta era in cotone elasticizzato che, tagliato nel verso verticale, non cede tantissimo e quindi, una volta trasformata in zainetto, può essere riempito anche di cose pesanti. 

Se hai bambini piccoli è utile per il cambio dell'asilo, come porta asciugamano e altro.


Se non hai magliette da riciclare nulla ti vieta di usare due rettangoli di tessuto che hai già in casa (sì, proprio in mezzo alla montagna di stoffe che hai su quel tavolino!).

Cosa serve per il progetto

Macchina da cucire

Forbici affilate

Filato in poliestere in tinta o contrasto

Spilli o mollette fermacarte

Due spille da balia piccole

Cordoncino fucsia di circa 2 metri


Come cucire lo zainetto riciclando la maglietta

Per prima cosa stirala bene in modo che le fibre si stendano e non creino delle ieghe, altrimenti potresti tagliare storto.

Ritaglia i lati fin sotto le maniche e poi in laterale, sia davanti che dietro, per procurarti i due rettangoli.

Ritaglia anche i polsini per recuperarli come passanti dello zainetto, se la maglia non ce li ha puoi recuperare una striscia del girocollo.

Fai combaciare i due ritagli dritto con dritto, piega il passante in due e inseriscilo vicino all'angolo tipo sandwich (cioè in mezzo alle due stoffe), fai la stessa dall'altra parte.


Cuci a macchina i lati e il fondo, con un punto dritto, di media lunghezza.


Risvolta sul dritto, i passanti usciranno fuori.




Ora devi creare la coulisse: piega il bordo superiore due volte di circa 2 centimetri in totale. Aiutati col ferro da stiro, spilli e mollette. Cuci a macchina con punto dritto.

- Importante: lascia una piccola apertura in coincidenza con i lati -


prendi il cordoncino piegato doppio.


Fissa le spille da balia alle due estremità, falle passare da ogni passante e all'interno di mezza coulisse, poi chiudile con un nodo e taglia l'eccesso.



Hai appena cucito uno zainetto tutto da sola, e in più hai anche riciclato! Per abbellire uno zainetto fatto con maglie monocolore puoi cucire delle appliquè colorate e divertenti.


Non sai cucire ma vorresti imparare? Qui c'è il mio corso online ABC Ama il Buon Cucito







Come organizzare le tue stoffe (e avere più tempo per cucire)
in: //

Come organizzare le tue stoffe (e avere più tempo per cucire)


Se ti piace cucire, probabilmente hai una scorta di tonnellate di ritagli di tessuto. Mantenerli organizzati può essere una grande sfida per la maggior parte di noi amanti del cucito.

Lo so perché per un periodo della mia vita mi sono ritrovata sopraffatta da così tanta abbondanza.

La disorganizzazione dei tessuti può farti acquistare un tessuto inutilmente perché non hai idea di cosa si nasconda nella tua scorta.

Quando poi ti ricordi di avere un pezzo che ti serve, finisci per perdere un sacco di tempo per trovarlo.

Ti lascio solo immaginare quanti quadrati si sono infilati dietro il mio mobile della macchina da cucire e dimenticati per un bel po’.

In un momento di passione sfrenata per il quilt ho acquistato quantità industriali di stoffa pretagliata e, prima che me ne accorgessi, i ripiani della stanza del cucito erano stracolmi.

In un mondo perfetto le stoffe sarebbero in ordine sugli scaffali e divise per colore e disegno.

La buona notizia è che c’è una soluzione per avvicinarsi allo stesso ordine che regna in un negozio ben organizzato: la tecnica dell'archivista.

E’ tanto semplice quanto veloce, e te la fa vedere Melanie Ham nel suo video.


Non importa se è in inglese e se lei parla un sacco, ci insegna a ripiegare una striscia di tessuto su un rettangolo di cartoncino di medio spessore e metterlo su un ripiano, in verticale. E continua così.

Melanie acquista questi cartoncini in due misure differenti, ma sono semplici da fare ritagliandoli da scatoloni o scatole di scarpe.

Se sei una persona creativa puoi prima rivestirli con della plastichina colorata come quella per foderare i quaderni di scuola.

Se non hai spazio in casa, guarda il mio pictorial per fare un pannello da parete, io ci ho messo gli strumenti da lavoro ma tu puoi aggiungere dei ripiani per i tuoi rettangoli di stoffa.

O se hai un attimo di tempo, iscriviti alla newsletter del cucito compilando il modulo da qui


 

Impara ad amare una macchina taglia-cuci
in:

Impara ad amare una macchina taglia-cuci

 
taglia-cuci




Se c'è una domanda che mi viene fatta in modo ricorrente è questa:

<< devo prendere una macchina da cucire o una taglia-cuci? >>

Molte che si avvicinano al mondo del cucito pensano che comprare subito una taglia-cuci sia meglio perchè più completa e fa 'più cose'.

Io ti dico che finalmente puoi avere l’assoluto controllo su stoffe sfuggenti e reticenti, sfilaccianti e ingobbite. Ma bisogna imparare a conoscerla e usarla nel modo giusto.

L'unico modo per saperlo è capire bene cosa fa una macchina Taglia-cuci. Poi devi imparare ad amarla.

Ma se non hai mai cucito prima, forse è bene che tu impari ad usare la macchina tradizionale (il mio corso è qui).

Innanzitutto bisogna sapere che si dividono in due categorie: quelle economiche per un uso domestico e saltuario (tra queste la Singer è un ottimo punto di partenza), e quelle professionali che garantiscono prestazioni di altissimo livello (e di conseguenza sale il prezzo).

I vantaggi di una Taglia-cuci

Taglia e cuce

Come dice il nome, taglia e cuce contemporaneamente quando serve: le cuciture sono da pret-a-porter e la velocità è di 1000 punti al minuto (ma la Pfaff arriva anche a 1300) con un risparmio di tempo considerevole. Lo fa anche su molti strati di stoffa dando un aspetto ai capi di tipo industriale.

Ci sono le macchine taglia-cuci a 3 o 4 fili che offrono vari tipi di rifinitura con punto overlock e qualche decorazione, poi ci sono le macchine taglia-cuci con punto copertura da 5 a 10 fili che in più adopera il punto copertura e il punto catenella per decori e ricami.

Adatta per tessuti difficili

Può cucire qualsiasi tipo di tessuto, anche quelli difficili come la pelle, a differenza di una macchina tradizionale. Sarà semplice cucire anche i tessuti come quelli scivolosi perché la taglia-cuci ha un trasporto differenziale per cui non si arricciano e non si sfilacciano.

Ti rende il tutto sereno anche se devi cucire un tessuto elastico perché la cucitura sarà anch’essa elastica e i punti non salteranno a lavoro terminato.

Puoi cucire la maglieria anche con una macchina da cucire, ma la taglia-cuci danno una finitura molto migliore. Non distorce la stoffa, l'ago non salta i punti e i punti ad anello consentono alle maglie di allungarsi un po’ senza rompersi.

E’ una perfetta orlatrice

Qua non ha paragoni con la macchina tradizionale: fa talmente bene gli orli che il commento ricorrente che avrai sarà “bello, sembra comprato”.

Gli orli arrotolati sono una delle mie cose preferite da fare sulla mia taglia-cuci. Non riesco a ricordare l'ultima volta che ho messo un orlo regolare su qualcosa! È così facile e veloce fare un orlo arrotolato.


Mi piace usare un punto a tre fili per questo, a volte devi giocare un po'con la tensione, ma le impostazioni predefinite funzionano per la maggior parte dei tessuti.

Consiglio in più sul filo

La taglia-cuci di norma consuma un sacco di filo, sono rocchette a cono e ne vanno uno per ogni perno sull’albero dello stesso colore.

Se vuoi risparmiare qualcosa, puoi usare un filo di colore neutro per la parte inferiore/rovescio del tuo lavoro e usare quello colorato o in tinta per la parte superiore che resta a vista.

Compra sempre filo di ottima qualità e adatto per la taglia-cuci, fai anche attenzione a coni regalati da amiche perché potrebbero essere vecchi e dare problemi.

In base a quello che ti ho detto e al punto in cui ti trovi nel mondo del cucito (ma soprattutto in base ai tuoi obiettivi), cosa hai deciso di fare?



Iscriviti alla newsletter del blog compilando il form da qui






Carmen Pelaia, sarta tutor



10 strumenti " back to school " per la tua stanza del cucito
in:

10 strumenti " back to school " per la tua stanza del cucito

donna che cuce spilli

Da quando ero bambina amavo la cartoleria: il momento più bello era la scelta dei quaderni (pochi a quei tempi), le matitone colorate e la colla liquida col pennellino (non ricordo se c’era già la stick).

Nel corso degli anni ho continuato ad amare tutti quei piccoli oggetti di scuola e, ora che girano per casa perché con tre figli non bastano mai, a volte entrano anche nella mia stanza del cucito.

Se ti sei appena affacciata a questo mondo (del cucito intendo), potresti trovare utili questi suggerimenti che ti do, per usare gli strumenti di cartoleria per facilitare alcuni compiti di…cucito. Ma se sei esperta, forse trovi qualche idea nuova.

I gommini adesivi : sono riposizionabili, cioè si staccano e si riattaccano, li puoi usare fermare dei tessuti sottili sul piano di lavoro o bloccare gli angoli di un cartamodello quando lo appoggi sulla stoffa.

 

Evidenziatori: quando stampi un cartamodello da abito dal computer è in bianco e nero, con l’evidenziatore puoi marcare le tacche che corrispondono alla taglia che ti serve, un colore diverso per ogni taglia, così non vai in confusione.

 

Le graffette: sono utili per piccoli decori come i pompon, ma io le uso per tenere unite tra loro delle stoffe molto sottili che non devo bucare con gli spilli perché resterebbero a vista.

Il desk planner da scrivania: quello che uso è 18 mesi, lungo e stretto per tenerlo vicino alla tastiera del computer, la data l'aggiungi tu, i miei figli lo usano per organizzare i loro compiti e impegni, io mi segno la programmazione di progetti di cucito con materiale annesso per ordini mirati

Il dispenser per scotch: scegli un dispenser ad una mano che si può riempire di sabbia all’interno, ti sarà utile per unire tra loro le varie parti di un cartamodello seguendo le tacche, e visto che sicuramente sei da sola a farlo ti servirà una mano soltanto.

 

L’astuccio trasparente: comodo per raccogliere il necessario per un piccolo kit di cucito o un kit da viaggio, è abbastanza lungo per contenere anche le forbici. Il portapenne da tavolo: puoi usarlo per metterci gli strumenti di cucito che devono stare sempre a portata di mano, come forbici, spilli, metro, riga, penne. In alternativa alla scatola del cucito.
Il cestino porta tutto: così come ci metti tutte quelle piccole cose di scuola che non hanno mai un posto ben definito, allo stesso modo vale per i piccoli oggetti di cucito che sfuggono sul piano di lavoro: ditale, kit di aghi, spirali di spilli, mollettine.

 

Mobile da parete: hai presente i mobiletti leggeri da parete per posare quaderni, astucci, libriccini? Usali come organizer per il cucito, aiutati con barattoli in plastica, cestelli delle mollette, gancetti, e decorali come il resto dell’arredo.


Forbici: il pezzo forte della scuola e del cucito, puoi prenderne quante ne vuoi, di tutti i colori ma attenzione, ricorda di usare sempre la stessa ad un’unica funzione (cioè, usa la rossa per la carta, la verde per la stoffa, e così via).

Spero di averti dato qualche idea interessante, se ne hai altre puoi dirle in pagina qui


Iscriviti alla newsletter del blog compilando il form che si apre QUI