Lo Dico, lo Faccio

Aiuto le mamme che lavorano a trovare una valvola di sfogo senza stress e perdita di tempo attraverso il Cucito in Armonia
Amo il campeggio in montagna, il tiramisù e il pensiero minimalista.

Sono Carmen, la tua coach di cucito handmade.

scopri di più su di me

spazio bianco

spazio bianco

TITOLO ANTEPRIME HOMEPAGE

Cosa c'è di nuovo sul blog
La cucitura invisibile, tutorial
in: // // //

La cucitura invisibile, tutorial

come fare cucitura invisibile o punto nascosto


Quando si confezionano pupazzi, manufatti trapuntati o imbottiti, ma comunque anche risvoltati, bisogna richiudere il lavoro con la cucitura invisibile. Qui ti faccio vedere il tutorial ma ci vuole un po' di esercizio per farla meglio.

L'obiettivo è di fare punti piccoli e molto vicini tra loro, in questo modo il risultato finale sarà davvero ottimo. Nei miei corsi di cucito online trovi tanti modi per applicarla.


  non prendere mai il punto su una curva o un angolo ma su un lato dritto!

Prendiamo i lembi dell'apertura e li pieghiamo verso l'interno per bene come nella foto.


Poi stiriamo col ferro in modo che restino piatti e così ci facilita il passaggio successivo.


Ora prendiamo l'ago e inseriamolo nella piega di un lembo con la precisione di cui siamo capaci, poi col tempo miglioreremo. Lo facciamo uscire appena qualche millimetro di lato sempre sullo stesso lembo.


Ora inseriamo l'ago nel lembo opposto esattamente perpendicolare.


Guardiamo lo schema di seguito per capire il percorso che fa l'ago. Le righe gialle indicano la stoffa.

Bisogna tenere il filo allentato e fare attenzione a non stringere in modo da facilitare il lavoro.
cucitura invisibile o punto nascosto

Perchè adesso tiriamo il filo bene bene finchè non si vede più.


La nostra cucitura invisibile è fatta, è più facile a farsi che a dirsi, e ci vuole un po' di pratica, come in tutte le cose.



Che ne pensi di questo fantastico tutorial?


10 motivi per comprare regali fatti a mano: ecco Mooza online
in: // //

10 motivi per comprare regali fatti a mano: ecco Mooza online

 
mooza.it home

Un regalo fatto a mano è per sempre.  

Sì, lo so, è un po' copiata, ma è uno degli aspetti più convincenti nel comprare handmade. Certo, dipende da cosa compri, per esempio un sapone ha una sua durata limitata, ma la qualità con cui è stato fatto lo rende 'di lunga durata'. Un abito è di fattura talmente resistente che lo indossi per anni. Ecco perchè la qualità dell'handmade va di pari passo con un altro tipo di consumismo.

Infatti, un nuovo marketplace si è affacciato all'orizzonte del web, ed è Mooza.it.

10 motivi per comprare regali fatti a mano: ecco Mooza online

1 – impari a fare consumismo qualitativo, cioè a non acquistare cose sotto l'impulso dell'insoddisfazione per poi chiuderle in un cassetto e non usarle più. Usa poche cose e ama le persone invece di usare le persone e amare le cose.

2 – è ecosostenibile, un regalo fatto a mano è quasi sempre composto da materiali riciclati o di altissima qualità, senza uso di elementi chimici per la lavorazione e evita di mettere in circolo oggetti che andrebbero in discarica. Ma tu lo sai che le grandi multinazionali della moda bruciano enormi quantità di abiti invenduti (e di nascosto)? Con la conseguenza di inquinare l'ambiente in cui si diffondono gli elementi chimici di cui sono composti.

3 – un regalo fatto a mano , pensato è un regalo utilizzato, e non si accumulerà in un armadio, sai qual è la conseguenza? Che aiuti le persone a non dover gestire quantità enormi di roba perché, sappilo, non esiste nessun metodo che aiuti ad organizzare le cose in eccesso. 

4 – è durevole nel tempo, la qualità si paga è vero ma la durata all'usura e al tempo di un oggetto fatto a mano , fa sì che si riveli un grande risparmio. Meglio di cose che durano il tempo di due lavaggi e doverli ricomprare, no?

5 – sostieni le realtà locali eticamente, perché i creativi non si adeguano a politiche global ma puntano sull'indipendenza e il lifestyle italiano, e non vogliono sfruttare i bambini del Bangladesh

6 – i posti di lavoro sono a misura d'uomo, in quanto i laboratori sono luminosi, arredati in base alle esigenze personali, allegri, e magari con un sottofondo musicale, vuoi mettere la gioia che ti dà il pensare che un tuo regalo viene creato in un ambiente così? Lo capisci se ogni giorno non vedi l'ora che arrivino le cinque per tornare a casa. 

7– il regalo fatto a mano è personalizzabile, se trovi la borsa in tela azzurra ma sai che la persona a cui la regalerai adora il verde, con qualche giorno d'anticipo puoi chiedere all'artigiano la variazione, e siete felici in due, anzi in tre. 

8– diffondi la fantasia, in quanto il creativo ha una profonda soddisfazione nell'apprezzamento del proprio lavoro ed è così spinto a trovare nuove ispirazioni e idee da realizzare, infatti non è raro vedere che un artigiano ad un certo punto della propria attività ampli la propria offerta di creazioni. 

9– l'unicità del regalo trasmette alla persona a cui è dedicato che anche lei è unica ed originale, da non meritarsi un dono fatto in serie a basso costo e di qualità discutibile fabbricato per altre centomila persone. 

10 – supporti la tradizione ma in maniera rinnovata, l'artigiano che crea un oggetto che tu puoi regalare (o per te) ci mette passione, cura e premura nei dettagli, ma attinge alla tradizione della propria infanzia, del posto in cui è cresciuto, dei valori tramandati di generazione in generazione, aggiungendo sempre qualcosa di nuovo e personale. 

Ma cosa c'entra tutto questo con Mooza.it

Mooza.it è il marketplace di artigiani di nuova vita, la cui missione è rispettare tutti i 10 punti sopraelencati, dando un ampio spazio di vendita/acquisto online alle creazioni handmade. 

Tu che cerchi un regalo fatto a mano ma vuoi avere una buona vetrina di proposte tra cui scegliere anche per te e la tua famiglia, Mooza.it è il sito in cui puoi comprare tutto ciò che di ecosostenibile ti può servire, in un unico posto. 

La loro mission è “difendere l’unicità degli artigiani, dei designer indipendenti e delle piccole imprese locali per un’economia migliore”. 

mooza.it desktop

Cosa puoi trovare su Mooza.it 

Devo dir la verità, mi sono divertita molto a navigare all'interno del marketplace, è facile da usare, comodo dalla poltrona con lo smartphone, e le categorie sono molto ben assortite. 

A proposito, ecco qualche bella creazione fatta a mano che puoi trovare per te o da regalare:

Accessori: borse fatte a mano in paglia, tessuti pregiati o uncinetto, shopping bags, foulard e abiti in stile italiano, addirittura scarpe e sandali cucite a mano su misura! 

Gioielli: collane, orecchini e bracciali in materiali come bronzo, carta giapponese, corniola, onice e corallo, perle e ametista, e l'elenco non finirebbe qui. 

Casa: quadri e dipinti, accessori di home decor e per la tavola, addirittura mensole in cedro di Libano e tavoli in legno di ulivo! Ma anche un'ampia scelta di cuscini e tessili dai disegni originali, spugne riciclabili oppure brocantage per la cucina. 

Abbigliamento: noi italiani siamo davvero bravi in questo settore, e la scelta infatti è incredibile, di pezzi unici, ben curati e bellissimi. Trovi top all'uncinetto (io ho provato a fare una mattonella granny, e non oso pensare quanto tempo ci vuole a realizzare un intero capo di abbigliamento!), pantaloni, giacche, gonne, bluse, caftani... 

Beauty: dall'olio delicato multiuso agli assorbenti lavabili, dalla wet bag allo shampo solido di Fico d'India, è forse il settore che mi affascina di più per i profumi e le fragranze originali come nel balsamo all' elicriso, per non parlare dello spazzolino in bambù a cui non ho resistito (lo sai che è 100% biodegradabile?, si butta nell'umido). 

Bambini: te lo dico subito, questa categoria crea dipendenza. L'amore e la cura con cui vengono fatte queste creazioni traspaiono già dalle foto (ben fatte ed esaustive). I materiali, i colori e i modelli (ci sono anche giocattoli) sono pensati per essere belli ma soprattutto utili. 

Come ti aiuto a scegliere l'handmade da comprare su Mooza.it 

So cosa stai pensando : “ma ci sono così tante belle cose che non so come trovare il regalo perfetto”. Ti aiuto io. 

  •  considera che ogni oggetto all'interno di Mooza.it è davvero colmo di significato etico, creativo ed ecosostenibile, ciò vuol dire che difficilmente non sarà apprezzato dalla persona a cui lo regalerai (se è per te, basta che compri ciò che ti serve perché qui equivale anche a ciò che ti piace). 

  •  pensa alla persona a cui vuoi regalare un pezzo handmade e fatti delle domande come: quali sono gli argomenti di cui parla spesso? (palestra, trucchi, bellezza, allora vai nella categoria del Beauty. Oppure ha bimbi e adora gli accessori particolari? Vai alla categoria Bambini - giochi) 

  • è una persona stravagante o no? (negli Accessori trovi entrambe le tipologie) 

  • ti ha mai detto che le piacerebbe avere qualcosa in particolare ma rimanda sempre l'acquisto per altro? decidi qual è il tuo budget: su Mooza.it trovi oggetti da 3 euro fino a quanto vuoi.

  •  clicca sulla categoria in alto e vedrai un menu a tendina a scomparsa con le sottocategorie oppure, se sai già l'oggetto, scrivilo nella casella di ricerca. 

  •  nella tendina a sinistra puoi scegliere per ultimi arrivi, prezzo crescente o decrescente, più popolari o sconti. 


Un appunto sulle spese di spedizione 

Essendo un marketplace composto da artigiani sparsi in ogni luogo d'Italia e non avendo un magazzino di raccolta e distribuzione, va da sè che Mooza.it fa gestire le spese di spedizione ad ogni singolo venditore. 

Questo significa che vengono conteggiate per ogni prodotto inserito nel carrello e non per il totale. Potresti avere una spesa un po' alta a fronte di un acquisto composto da vari venditori. 

Il mio consiglio è di  registrati gratuitamente al marketplace da qui, poi spulcia tutte le categorie e fatti un'idea delle creazioni, contatta il venditore prima dell'acquisto per chiedergli se ha un minimo di ordine per cui non si pagano le spese di spedizione. A questo punto, procedi con l'acquisto, prima del pagamento vedrai l'importo e le spese.

Certo, siamo abituati ai tempi di Amazon e compagnia bella, ma per un pezzo unico vale l'attesa di qualche giorno. Riuscirai ad organizzarti in tempo per fare i tuoi regali, ne sono sicura!

Se hai un hobby, puoi aprire il tuo shop su Mooza.it in modo gratuito 

Se stai leggendo questo articolo è perchè probabilmente adori l'handmade, e potresti avere un tuo hobby che ami alla follia, come il cucito creativo, l'uncinetto, la maglia, la creazione di candele e tanto altro.

Hai mai pensato di aprire il tuo shop online? Mooza ti permette di farlo in modo gratuito in pochi passaggi come spiegato benissimo nella pagina dedicata qui.

Piuttosto, io voglio darti qualche indicazione su come preparare il tuo shop prima di aprirlo:

  •  renditi conto di quello che sai fare benissimo, l'eccellente manualità è importante perchè le persone non vogliono comprare un 'fatto in casa' ma un 'fatto a mano'

  • definisci la tua clientela di riferimento (mamme con bimbi piccoli, uomini, donne in carriera, nonne, ecc) in base a ciò che crei

  • cerca di essere specifica e non creare per tutti perchè equivale a nessuno

  • studia il packaging, ricorda che è un prodotto Made in Italy e handmade, quindi anche la confezione deve essere studiata in base a questo (per esempio, se crei saponi particolari potresti fare un incarto ecosostenibile o biodegradabile)

  • prepara un ventaglio di proposte abbastanza ampio in modo da tenere su di te l'attenzione del cliente

  • se crei piccoli pezzi singoli , valuta l'idea di preparare dei set / kit in modo da invogliare l'acquisto e risparmiare sulle materie prime (per esempio, una fascia per capelli abbinata ad un top, oppure dei dischetti struccanti abbinati al sacchetto per contenerli)

  • solo ora puoi definire il prezzo dei tuoi prodotti (includendo il 15% di commissione dello store ed eventuali sconti futuri)

  • scatta delle belle foto e pensa alle descrizioni ben accurate e dettagliate

  • carica il tuo shop

Insomma, io personalmente credo nei valori che trasmette l'handmade e sono sempre pronta a condividere chi vuole diffonderlo a sua volta,  perchè l'amore per questo settore traspare anche se c'è un compenso per diffonderlo.

Per questo motivo voglio dirti che anche io ho ricevuto un compenso da Mooza.it per scrivere questo articolo, ti assicuro che l'ho fatto in piena trasparenza nel rispetto delle mie idee e le tue, e ho accettato solo perchè il marketplace è in linea con i miei valori.

Se ami l'handmade, diffondilo anche tu! 



Cucire l'angolo a tovaglie e tovaglioli [tutorial facile]
in: // //

Cucire l'angolo a tovaglie e tovaglioli [tutorial facile]

 
tovagliolo verde_ forchetta_fiore


Una delle cose che servono di più quando si cuce è sapere come fare un angolo. Siccome io sono sempre alla ricerca di metodi facili e veloci, questo tutorial ti farà vedere come cucire un angolo in pochi secondi.

Mi servo anche del piedino orlatore al bisogno, può servire per rifinire le tovaglie e i tovaglioli, oppure dei runner per decorare la tavola, o comunque tutti quei lavori che richiedono un angolo sul lato aperto di un lavoro.

cosa occorre per fare angolo

Cosa occorre per cucire l’angolo:


macchina da cucire infilata

ferro da stiro

forbici

spillo

Come cucire l’angolo:


stirare l’orlo alla distanza decisa (prendi il segno con un righello o un cartoncino)

prima un lato e poi l’altro sovrapponendoli

stirare angolo


tutorial angolo

ora apri gli orli e piega all’interno l’angolo facendo combaciare i segni del ferro e stira di nuovo


tutorial angolo


tutorial angolo

attenzione: ora devi aprire le pieghe e girare sul rovescio

piega la punta a metà

tutorial angolo pieghe

cuci con la macchina sulla piega

tutorial angolo come cuire

taglia l’angolo a mezzo centimetro dalla cucitura

tutorial angolo a macchina


risvolta tutto e stira bene per appiattire

risvoltare angolo

l'angolo è pronto, ora puoi rifinire il tovagliato, spacchi delle gonne, lenzuola.

come cucire angolo perfetto facile



Carmen Pelaia, la tua sarta tutor

CLICCA SUL LINK E LEGGI I VANTAGGI SE TI ISCRIVI ALLA  NEWSLETTER !!
 
10 problemi di chi inizia a cucire e come risolverli da sola
in:

10 problemi di chi inizia a cucire e come risolverli da sola

macchina-per-cucire

 

Lo so, hai iniziato a cucire da poco e sei incappata in un sacco di problemini fastidiosi che ti stressano e ti fanno perdere tempo prezioso, che già non basta mai, e allora hai solo voglia di mettere la tua macchina nell'armadio e non toccarla più! Invece, la cosa migliore per andare avanti, è avere una piccola guida chiara su come ti devi comportare di fronte a questi inconvenienti. Ti aiuto io a risolvere 10 problemi per te che inizi a cucire




1 - Il filo superiore si spezza di continuo

Mentre cuci, all'improvviso si spezza il filo di sopra, tu lo rimetti, e di nuovo si rompe. Ti chiedi perchè! Ecco quali possono essere i motivi: 

* L'ago non è di buona fattura

La cruna degli aghi economici a volte non è rifinita e liscia all'interno, quando il filo si tende per la cucitura allora ecco che si logora subito e si spezza.Quindi ti tocca sostituirlo con un ago di ottima qualità. 

 * Il filo è di cattiva qualità 

Il filo è sottoposto alla tensione continua mentre la macchina cuce, quindi se non è di buona qualità si rovina la fibra e si rompe. Ti consiglio di sosituirlo con uno di buona qualità, se sei all'inizio puoi provare il cucitutto e il poliestere. 

* La tensione è alta

Non parlo solo della tua ma soprattutto del filo superiore. Riguarda la ghiera sulla tua macchina e posizionala sul numero esatto per il tessuto che stai cucendo. Per approfondire l'argomento ti rimando al post dedicato.

come regolare la tensione della macchina da cucire

2 - L'ago si rompe

 Con calma vediamo di capire perchè succede. 
 

* l’ago non è inserito bene

 
fino in fondo oppure non l’hai stretto abbastanza quindi batte sul piedino 
 

*  ago troppo sottile

per quel tessuto che stai usando è troppo sottile e si piega, quindi cambialo

* il piedino non è adatto

 hai un piedino che non va bene per il punto che stai usando. Per esempio, un piedino per punto diritto ma fai lo zig zag. 

* non hai fatto le pulizie

La macchina è sporca, la bobina è piena di peluria, bisogna solo pulirla regolarmente 

Per approfondire:

 come pulire la macchina da cucire

* la bobina è sbagliata

cioè di una marca e modello di macchina differenti da quella che stai usando. Le prime volte impazzivo perché avevo questo problema, solo per risparmiare qualche centesimo avevo acquistato dei crochet che si sono rivelate troppo piccole e ballavano facendo saltare l’ago.

* il filo superiore tira 

troppo sulla cruna, quindi ti tocca tagliarlo e infilare di nuovo la macchina. Oppure sei tu che  tendi a tirare troppo la stoffa mentre cuci, cerca di stare meno tesa tenendo le spalle abbassate.

3 - Il filo si aggroviglia sotto la stoffa

 

* problemi di inserimento

potresti aver messo male la bobina, toglila e rifai il percorso giusto, oppure non hai infilato bene la macchina 

* parti bene coi fili

quando inizi il primo punto, devi prima tendere i due fili della cucitura dietro il vano portabobina altrimenti finiscono acchiappati dall'ago e il disastro è assicurato

* stai usando filati di fibra diversa

attenta che il filo superiore e quello inferiore siano dello stesso tipo: cotone con cotone, poliestere con poliestere, ecc.

* allenta la tensione

gira la manopola di cui ti ho parlato prima e allentala un pochino



4 - La stoffa viene 'mangiata' dalla macchina

Hai presente quando la stoffa scompare sotto le griffe dell'ago? Ecco perchè e come risolvere questo problema.

* l'ago è troppo spesso

per il tipo di stoffa che stai usando, l'ago è davvero troppo grande e pesante, quindi manda giù la stoffa troppo aggressivamente e non la riprende per portarla su. Cambia l'ago.

* devi stabilizzare la stoffa leggera

Se invece stai usando una stoffa molto leggera, metti uno stabilizzatore. Io uso anche un foglio di carta velina o carta di scarpe (quella all’interno delle scatole, per intenderci) e poi la togli via.



5 - i punti saltano

 

*  l'ago non è messo bene

oppure non è quello giusto per la stoffa e il filo del tuo progetto in corso, cambialo!

* la macchina non è infilata bene

a volte il filo superiore non si aggancia bene con quello inferiore e salta un punto, l'unica cosa da fare è togliere tutto e reinfilare la macchina di nuovo


6 -Il tessuto o i fili si arricciano all'inizio o alla fine delle cuciture

 
La tua cucitura deve risultare perfettamente piatta dall'inizio alla fine, ma se vedi che alle estremità è ondulata o arricciata, allora fai così

* L'affrancatura iniziale è troppo vicina a bordo stoffa

 
quando inizi a cucire, tieniti con l'ago 5 milimetri a distanza dal bordo per partire, se devi affrancare torni indietro col tasto e in questo modo la cucitura resta bella piatta

 

* l'affrancatura finale è troppo vicina a bordo stoffa 


Allo stesso modo, quando finisci una cucitura, fai il punto indietro prima di colpire il bordo, quindi cuci direttamente dal bordo per una bella finitura pulita.
 

7 - la macchina è accesa ma l'ago non si muove

 

*  il perno avvolgi-bobina è attivato

 
Molto semplicemmmente, hai ancora il perno per avvolgere la bobina in posizione attivata, spostala per non girare a vuoto. Non preoccuparti, succede anche alle più esperte di dimenticarselo!

8 - il tessuto non si muove mentre cuci

 

* non hai impostato la lunghezza del punto


Se la manopola della lunghezza del punto è sullo zero, la macchina resta ferma allo stesso posto, quindi controlla la lunghezza prima di iniziare

* le griffe sono alzate


Se la lunghezza del punto è fissata, allora le griffe potrebbero essere alzate, in questo modo trattengono la stoffa e non la fanno scivolare. Abbassale.

9 - Il filo inferiore si rompe


Se invece di quello superiore si dovesse rompere quello inferiore (della bobina per intenderci) allora potrebbero essere questi motivi.

* la tensione del filo è forte


Significa che la tesione del filo all'interno della bobina è troppo forte e quindi non la fa scivolare bene durante la cuciture, deve essere quindi allentata. Attenzione: c'è una vite a lato della bobina da girare un pochino e poi tieni il filo inserito con due dita: se scende normalmente ma non velocemente allora è ok!!

* l'ago è difettoso


Controlla l'ago che hai inserito perchè potrebbe essersi piegato o spuntato, questo vuol dire che quando scende per catturare il filo inferiore lo spezza. Soluzione? la sai già: cambia ago.
 

10 - la macchina da cucire non prende il filo

 

* il filo superiore è aggrovigliato

 
ti tocca smontare il vano e reinfilare dopo aver pulito bene.
 

* l'ago è inserito male

 
quando inserisci l'ago, assicurati che il lato tondeggiante del gambo sia verso di te e la parte piatta verso il retro .


parti dell'ago da cucire a macchina


11 - corso di cucito online

 
Bene, spero che questi piccoli accorgimenti possano farti cucire serena e tranquilla tutti i progetti che vorrai.


Come fare un bordo all’uncinetto su stoffa
in: // // //

Come fare un bordo all’uncinetto su stoffa

bordo uncinetto



Quando ero bambina, mia mamma confezionava le tovaglie e i tovaglioli ma, per amore del decoro, aggiungeva un bordo all’uncinetto a fine giro.

Ricordo che usava vari metodi, uno molto semplice è questo che ti faccio vedere nel tutorial, ma prima di iniziare fai un orlo sottile alla stoffa.

Le allieve del mio corso di cucito creativo online  ABC mi hanno chiesto come farlo ed ecco qui il post.


Qui trovi il tutorial per fare l’orlo


Occorrente


filato uncinetto ago

- ago a punta tonda se la stoffa è a trama larga, altrimenti va bene a punta affilata e cruna ampia

- filato di colore uguale al bordo

- uncinetto

- tessuto (tovaglia, tovagliolo, sottopentola, sottobicchiere, ecc)


Come iniziare il bordo all’uncinetto


[guarda le foto da sinistra verso destra]

Su tutto l’orlo devi eseguire un giro di punto festone, quindi entra con l’ago infilato nell’angolo della stoffa dalla parte del rovescio, esci dal dritto, rinfila dal rovescio ad un centimetro di distanza (o meno)

punto festone

Prosegui così per tutto il perimetro, il secondo giro è tutto all’uncinetto a maglia bassa, puoi eseguire anche due maglie all’interno di ogni punto festone precedente in modo che non si creino archi e spazi

bordo uncinetto

Prosegui con lo schema del bordo che ti piace, qui io ho fatto solo un giro a maglia alta a rete ripreso nel giro successivo con maglie basse

Qui trovi il tutorial per fare il punto rete


uncinetto maglia bassa

L'idea in più: se usi un uncinetto molto piccolo, tipo n. 1 e 2 puoi saltare la fase dell'ago ed entrare nella stoffa direttamente con l'uncinetto

Ti piace il bordo all’uncinetto da unire alla stoffa? Io ho usato questo metodo per decorare un fazzolettino da taschino per l’abito elegante di mio marito. Tu cosa farai?



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Idee e tutorial MARE [raccolta]
in: // //

Idee e tutorial MARE [raccolta]



Una bella raccolta di idee con tutorial per cucire dei manufatti utili in modo veloce, per il mare ma anche per le gite fuori porta quando si resta in città. Se non sai cucire puoi prima guardare i miei corsi di cucito online.

Prima di iniziare a cucire, pulisci la tua postazione e il ripiano da vecchi ritagli e fili penzolanti, dai una passata con uno strofinaccio umido per togliere la polvere, poi assicurati che la tua macchina sia pulita, altrimenti segui questi passaggi qui.

1 - ricicla la tovaglia e cuci la borsa


Questa bella borsa l'ha realizzata la mia amica Norma riciclando una bella tovaglia di plastica. Vantaggi: è impermeabile, non si sporca, si lava con un colpo di spugna! L'ideale se hai bambini e merende da portarti dietro.

Qui il TUTORIAL ---> BORSA IN PLASTICA




2 - Cuci un porta sandwich in due mosse


Questo veloce porta sandwich è richiudibile e occupa poco spazio, ideale per un pic nic in spiaggia. Bastano due quadrati di tessuto coordinato ed è pure double-face!

QUI il TUTORIAL ---> PORTA SANDWICH




3 - cuci la borsa con gli strofinacci


Succede che gli strofinacci della cucina siano un po' lisi se li abbiamo da un po' di tempo, ma dispiace buttarli, allora recuperali! Come ha fatto Norma: da strofinacci a borsa porta tutto.

QUI il TUTORIAL ----> BORSA TELA




4 - la tasca last minute


Ma se la borsa ce l'hai già? Puoi aggiungere una tasca veloce per avere più spazio (si sa, quello non basta mai). Ecco come ho fatto con la mia borsa da Mary Poppins.


QUI il TUTORIAL ---> TASCA LAST MINUTE




5 - la bustina per le cuffie


Mia figlia ha sempre le cuffiette con sè, non le lascia mai, allora le ho cucito una bustina per tenerle in ordine e pulite. Ma può diventare una bustina mille usi all'occorrenza.

QUI il TUTORIAL ---> BUSTINA

Ti è piaciuta la raccolta di idee e tutorial per il mare?
E tu cosa devi assolutamente portare con te?

Iscriviti alla newsletter dal form che si apre QUI

 



Come cucire un cappello di stoffa in 5 minuti senza cartamodello (video)
in: // //

Come cucire un cappello di stoffa in 5 minuti senza cartamodello (video)

tutorial-cucire-cappello

 

 Ti insegno a cucire un cappellino senza cartamodello ma per qualsiasi taglia. E' comodo e molto pratico, per le sere più fresche d'estate oppure, usando un tessuto più spesso, anche per giornate d'inverno. 

Io ho usato il tessuto dell'azienda PAWOTEX, perchè è 100% cotone, certificato Oeko-Tex  e che non provoca allergie (importante per me, con due figli allergici su tre!!). Inoltre, sono dei kit da 3 pezzi, e puoi cucire tanti cappellini oppure altri accessori in coordinato come uno scrunchie.

Se sei a corto di idee puoi andare sul loro profilo Instagram e trovare ispirazione!

Insomma, un berretto per ogni stagione. La particolarità è che in alto resta un buchino, da cui far passare la coda di cavallo se lo indossa una ragazza. Bello vero?In fondo a questo articolo trovi il videotutorial completo.

Occorrente per cucire il cappellino

  • tessuto jersey 50 cm X la circonferenza della testa (ma ti do anche le misure generali di seguito) che puoi trovare qui dell'azienda PAWOTEX
  • pinzette 
  • filato gutermann in poliestere color neutro
  • macchina per cucire
  • un pennarello


 

Misure generali per il cappellino

Se non hai la possibilità di prendere la circonferenza, allora ti do alcune indicazioni generali, ma potrebbero aver bisogno di qualche aggiustata.

neonato = 35,50 cm

baby = 40,50 cm

bambino = 46 cm

tween = 50 cm

donna = 53 cm

 uomo = 58 cm

Altezza del cappello

neonato/baby = 20 cm

bambino = 25 cm

tween = 28 cm

 tween/donna/uomo = 50 cm

Come cucire un cappello in 5 minuti

Prima di mandarti al videotutorial, ti scrivo i vari passaggi (ma sono evidenziati anche nel video) in modo che tu posssa avere una visione d'insieme. Infatti, anche nei mei corsi online di cucito, dico sempre di dare uno sguardo generale ai tutorial prima di mettersi alla macchina.

1) piega a metà sul lungo della stoffa col dritto all'interno

2) con il pennarello, segna una linea di lato come apertura

3) metti le pinzette sul lato lungo

4) cuci con un punto dritto o zigzag o elastico (a seconda del tipo di jersey) lasciando aperto il buco! Metti il rettangolo sul tavolo con la cucitura a destra e il buchino in basso

5) piega così: prendi l'angolo in alto a sinistra e fallo combaciare con l'angolo destro in basso, poi prendi l'angolo a destra e fallo combaciare con quello a sinistra in basso

6) ora hai in basso un lato aperto con 4 strati di stoffa: devi mettere i due interni un po' in dentro tipo sandwich, e i due esterni li cuci tra loro risvoltando la stoffa man mano che procedi

7) adesso ti ritrovi con un anello di stoffa da risvoltare sul dritto attraverso il buchino lasciato prima, che richiudi con una cucitura invisibile

8) in alto c'è un foro da cui far passare la coda di cavallo se lo indossa una ragazzina, bello vero??

Ora ti lascio al videotutorial, tu dimmi nei commenti se ti è piaciuto e iscriviti alla newsletter del blog Lo dico Lo faccio .