Faccio decluttering, perchè la troppa roba rovina la creatività
in: // // //

Faccio decluttering, perchè la troppa roba rovina la creatività

abiti pizzo

 Negli ultimi tempi mi sentivo soffocare. Credevo fosse per i troppi impegni dell’autunno imminente, per la scuola che inizia, per l’elenco di libri sempre nuovi ogni anno… Poi ho capito: è ‘la troppa roba’.

La ‘troppa roba’ è tutto quello che ho accumulato negli armadi negli ultimi due anni, da quando cioè ho cominciato a lavorare ai miei corsi e quindi il riciclo creativo è diventato una branca dei tutorial.

Maglie, pantaloni, lenzuola, si sono avventati su di me al rientro delle vacanze (e io vado in campeggio, aria aperta e bambini sempre fuori, ne ?) come mostriciattoli.

Ho cominciato a sognare di notte sacchi e sacchi strapieni, ripiani stracolmi di roba informe, alzandomi al mattino sudata per gli incubi. Per una settimana non sono riuscita a lavorare sulle mie creazioni.


Quando mia figlia più piccola mi ha chiesto il golfino rosa a maglia è subentrato il panico.


Quale? Dove? Ce l’abbiamo?


Ed è scattata la molla: ho svuotato gli armadi, letteralmente, ho diviso in montagnine sul pavimento la roba smessa da due anni e più (da riciclare le stoffe quindi tengo), la roba nuova mai messa (poi ci penso), la roba da mandare in beneficienza (tanta). Tutto ciò che posso recuperare lo metto nella mia scatola di latta.


Poi mi sono chiesta perché c’era tutta questo accumulo, e ho capito che bisogna imparare a distinguere tra bisogno e desiderio.

E molto spesso il desiderio avanza più velocemente del bisogno.



Quindi un po’ di sano decluttering di fine stagione mi aiuta a:


- insegnare ai miei figli la generosità donando ad altri

- passare meno tempo a lavare, piegare, mettere a posto

- provare una sensazione di freschezza e pulizia

- ascoltare i bisogni e soddisfarli

- desiderare le cose giuste, come dar sfogo alla creatività

- la creatività mi aiuta a confezionarmi il guardaroba e l’arredo secondo i miei gusti personali e non quelli dettati dal sistema

- quindi posso rinnovare asciugamani e gonne con bordure all’uncinetto e applicazioni

- passare più tempo insieme alla mia famiglia


Quindi il lavoro da fare adesso (e regolarmente nell’arco dell’anno) è che anche tu ti liberi di roba inutile.

Il difficile è iniziare, poi tutto va da sé. Prova.



voglio iscrivermi a YES è MARTEDI'

 la newsletter che parla di cucito e arriva ogni martedì

* indicates required






Email Format


Carmen Pelaia la tua tutor creativa
Come fare un bordo all’uncinetto su stoffa
in: // // //

Come fare un bordo all’uncinetto su stoffa

bordo uncinetto


Quando ero bambina, mia mamma confezionava le tovaglie e i tovaglioli ma, per amore del decoro, aggiungeva un bordo all’uncinetto a fine giro.

Ricordo che usava vari metodi, uno molto semplice è questo che ti faccio vedere nel tutorial, ma prima di iniziare fai un orlo sottile alla stoffa.


Qui trovi il tutorial per fare l’orlo


Occorrente


filato uncinetto ago

- ago a punta tonda se la stoffa è a trama larga, altrimenti va bene a punta affilata e cruna ampia

- filato di colore uguale al bordo

- uncinetto

- tessuto (tovaglia, tovagliolo, sottopentola, sottobicchiere, ecc)


Come iniziare il bordo all’uncinetto


[guarda le foto da sinistra verso destra]

Su tutto l’orlo devi eseguire un giro di punto festone, quindi entra con l’ago infilato nell’angolo della stoffa dalla parte del rovescio, esci dal dritto, rinfila dal rovescio ad un centimetro di distanza (o meno)

punto festone

Prosegui così per tutto il perimetro, il secondo giro è tutto all’uncinetto a maglia bassa, puoi eseguire anche due maglie all’interno di ogni punto festone precedente in modo che non si creino archi e spazi

bordo uncinetto

Prosegui con lo schema del bordo che ti piace, qui io ho fatto solo un giro a maglia alta a rete ripreso nel giro successivo con maglie basse

Qui trovi il tutorial per fare il punto rete


uncinetto maglia bassa

L'idea in più: se usi un uncinetto molto piccolo, tipo n. 1 e 2 puoi saltare la fase dell'ago ed entrare nella stoffa direttamente con l'uncinetto

Ti piace il bordo all’uncinetto da unire alla stoffa? Io ho usato questo metodo per decorare un fazzolettino da taschino per l’abito elegante di mio marito. Tu cosa farai?


Iscriviti alla newsletter per ricevere cose interessanti come questa e sul cucito.

Stella patchwork (tutorial)
in: // // //

Stella patchwork (tutorial)



La stella a patchwork è di grande effetto per decorare la casa, questo mio tutorial ti fa vedere gli step per realizzarne una. C'è anche lo schema delle punte da stampare e ricalcare sulla stoffa. Ti consiglio di usare due colori coordinati in modo da alternarle e creare un effetto armonioso.


Cosa occorre:



- lo schema della punta, salvalo e stampalo


- ritagli di tessuto di cotone coordinati

- imbottitura

- macchina da cucire

- spilli

- decori (bottoni, spago, raffia)


materiale stella

Come cucire le punte della stella:

per prima cosa lavora su un piano sgombro, libero da cose che in questo momento non ti servono per il progetto, prepara i rombi






cuci un solo lato del rombo con un lato del rombo coordinato, dalla parte del rovescio, va bene un punto dritto molto corto




continua allo stesso modo con gli altri




quando sono tutti cuciti tra loro e formano una stella, appoggiala sopra un ritaglio di tessuto in coordinato (o di un colore differente se preferisci), ritaglia una stella intera per creare il rovescio del patchwork





metti le due stelle dritto con dritto e cuci il perimetro lasciando una piccola apertura di 2 cm






risvolta, riempi con l'imbottitura, chiudi l'apertura con un po' di colla e decora a piacere





con questa stessa tecnica ho realizzato anche il CUSCINO e il PUNTASPILLI a fiore




Se ti è piaciuto questo progetto e vuoi ricevere altre robe interessanti, iscriviti alla newsletter da qui

Carmen Pelaia, sarta tutor