19 giu 2017

Come riciclare le lenzuola


    Le lenzuola sono stoffa. Magari non ci pensi quando vuoi rinnovare il corredo letto, o sei affezionata ad alcune parure regalate da amici e parenti e tendi ad accumulare sui ripiani. In ogni caso fattene una ragione: le lenzuola possono diventare stoffa da riciclare.

    Ti do una carrellata di idee che puoi fare se ami cucire, ma puoi sempre tenere le lenzuola da parte in attesa di ispirazione per dar loro nuova vita.


    Come riciclare lenzuola senza angoli


    Puoi fare gli angoli col metodo che ti faccio vedere QUI e riusarle come lenzuola di sotto.


    Come riciclare lenzuola spaiate


    Puoi ritagliarle della misura del lettino con le sbarre e fare un completino facendo un bell'orlo.

    Prendi due lenzuola con disegno e colore diversi e le unisci su tre lati: in questo modo hai creato un nuovo copripiumino.

    Usale per fare delle prove di modelli prima di passare alla stoffa scelta per il progetto.


    Come trasformare lenzuola in accessori


    Se le lenzuola hanno dei bei disegni ma sono un po' lise, ritaglia la parte recuperabile e confeziona:

    - delle federe per cuscini
    - tendine
    - tovagliette per la colazione
    - sacchetti per le scarpe
    - tovaglioli
    - bordure
    - tovaglioli
    - strofinacci

    Come riusare le lenzuola della nonna


    Qualcuno mi ha scritto dicendomi che ha delle lenzuola di un tempo regalate da mamma e nonna, quelle in tessuto un po' pesante insomma. Ammettendo che non le vuoi più per il letto, prova a usarle così:

    - ritaglia dei bordi decorati e fanne mantovane
    - usale come copridivano
    - taglia a misura di un grande asciugamano e cucili insieme per farne una copertina da pic nic

    Allora, hai altre idee da suggerire?

    voglio iscrivermi a YES E' MARTEDI'

    la newsletter che parla di cucito



    * indicates required






    consenso all'uso dei dati *


    Carmen Pelaia la tua tutor creativa
    Share:

    0 commenti:

    Posta un commento

    i tuoi commenti mi fanno crescere, grazie